Quotidiani locali

Filtri

Alessandro Gogna presenta Cento Nuovi Mattini

Facci sapere se andrai
“Cento nuovi mattini” è stato un vero e proprio libro ‘cult’ dei primi anni 80 per coloro che hanno frequentato la montagna e soprattutto hanno arrampicato in quegli anni. Nel libro sono descritte una serie di relazioni di vie brevi, molte delle quali effettuate in libera e un’infinità di itinerari su roccia che spaziano dalla Lombardia alla Valle d’Aosta, passando per Emilia e Toscana, fino a toccare la Sardegna. Insomma un curriculum arrampicatorio a 360° e di tutto rispetto quello di Alessandro Gogna e che durante la serata organizzata dal Club Alpino Italiano di Carpi, ci racconterà quelle che sono state le sue passioni e le sue sfide, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello filosofico, vissute in prima persona a quel tempo. Passioni e sfide che Gogna ha saputo ben descrivere in questo libro che, in qualche modo, ha fatto scuola nel mondo degli arrampicatori. Il libro, andato esaurito nel tempo, è da poco ritornato sugli scaffali delle librerie specializzate per soddisfare la curiosità e le gioia di tanti appassionati. Durante la serata sarà anche possibile acquistare una copia della nuova ristampa. “Da almeno trent’anni”, spiega Alessandro, “in molti mi suggerivano di riprendere in mano l’ormai esauritissimo ‘Cento nuovi mattini’. Questa pubblicazione si era guadagnata i galloni di ‘libro cult’ e chi ne era proprietario di una copia si riteneva fortunato. D’altra parte, i grandi cambiamenti intervenuti nel mondo dell’arrampicata, ma soprattutto sul terreno roccioso o limitrofo, ne sconsigliavano la riedizione aggiornata, dovendo per questa non solo aggiornare in modo esageratamente significativo i contenuti, ma essendo necessario un cambio di filosofia generale tale da stravolgerne il significato originario. Ho corretto qualche piccolo errore della prima edizione, ma sostanzialmente, al di là di qualche quasi insignificante cambio d’immagini, i contenuti sono rimasti inalterati al 99,99%. Questa scelta ha necessariamente comportato l’attuale inutilità pratica di questo libro: anzi colgo qui l’occasione di avvertire l’acquirente di non considerare mai del tutto corrette le indicazioni relative agli accessi, le relazioni, le considerazioni: tutte ferme e cristallizzate al 1981. Lo prego cioè di non considerare questo libro come una guida: allo stesso modo si può leggere il libro di Horace-Bénédict de Saussure ‘Voyages dans les Alpes’ senza necessariamente considerare valide le informazioni per l’attuale salita al Monte Bianco.” Ingresso gratuito; durante l'evento sarà possibile effettuare l'acquisto del libro contribuendo così al finanziamento della serata Alessandro Gogna (Genova, 29 luglio 1946) è alpinista di fama internazionale, storico dell’alpinismo, guida alpina e opinion maker (problematiche turistico-ambientali della montagna e tema della libertà in alpinismo). Ascensioni 500 prime ascensioni nelle Alpi, Appennini e in altre catene montuose. Le principali (nelle Alpi): Scarason (Alpi Liguri), parete NE, prima ascensione (1967); Pizzo Badile, parete NE, via Cassin, prima invernale (1968); Grandes Jorasses, parete N, via Cassin, prima solitaria (1968); Grand Capucin, parete SE, Diretta dei Ragni, prima invernale (1969); Monte Rosa, parete E, via dei Francesi, prima solitaria (1969); Cervino, prima ascensione del Naso di Z’Mutt (1969); IIa Pala di S. Lucano, parete SW, prima ascensione (1970); Grivola, parete NE, via Cretier, prima invernale (1970); Marmolada di Rocca, parete S, prima ascensione via diretta (1970); Pilier d’Angle, per cresta integrale di Peuterey, prima invernale (1971); Cima di Terranova (Civetta), parete NW, via diretta, prima ascensione (1971); IIIa Pala di S. Lucano, parete S, prima ascensione (1972); Brenta Alta, spigolo NE, prima ascensione (1972); Grandes Jorasses, parete S, prima ascensione (1972); Aiguille de Leschaux, parete NE, via diretta, prima ascensione (1972); IIa Pala di S. Lucano, parete E, prima ascensione (1974); IVa Pala di San Lucano, parete S, prima ascensione (1974); Campanile dei Zoldani (Moiazza), parete W, via diretta, prima ascensione (1974); Palazza (Monti del Sole), parete SW, prima ascensione (1974); Liss dal Pesgunfi (Val Màsino), parete E, prima ascensione (1984); Cima di Pino Sud (Col Nudo), parete E, prima ascensione (2005). Spedizioni Annapurna, sperone NW, tentativo, 1973; Lhotse, parete S, tentativo, 1975; El Capitan (California), via Salathé, prima ascensione italiana (1978); K2, sperone degli Abruzzi (1979).
Informazione da: facebook

Commenti degli utenti

Giorni e orari

Come arrivare

Piazzale Re Astolfo - Carpi