Riconoscimento facciale, la sicurezza come grimaldello della nostra privacy