L'evento

Al via il National Geographic Festival delle Scienze di Roma

Dal 23 al 29 novembre 130 eventi per "resistere al negazionismo"
1 minuti di lettura
Dai segreti del Dna e del coronavirus, ai misteri del cosmo e ai futuri viaggi su Marte. Al via la 15/a edizione del National Geographic Festival delle Scienze di Roma, in programma dal 23 al 29 novembre, per "resistere alle derive di un irresponsabile negazionismo", chiariscono gli organizzatori. 

GUARDA  Lo spot

'Ottimismo e scienza' è il titolo dell'edizione 2020, online per il Covid-19. Tra gli incontri, la tavola rotonda ''Scienza e decisione pubblica'', che ha tra gli animatori il ministro dell'università e della ricerca (Mur), Gaetano Manfredi, il vicesindaco e assessore alla Cultura di Roma Capitale, Luca Bergamo, e la senatrice a vita e biologa, Elena Cattaneo.

LEGGI  Il programma

Promosso dall'Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale e prodotto dalla Fondazione Musica per Roma, con la partnership progettuale di Codice Edizioni, il festival è realizzato insieme a National Geographic, Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), con la partecipazione delle Biblioteche di Roma. Partner scientifici i principali enti di ricerca italiani. 

Sette le macroaree scelte: pianeta, società ed economia, universo e spazio, tecnologia e innovazione, cervello e pensiero, snodi della scienza, salute e medicina. Una sessione speciale sarà, inoltre, dedicata allo scrittore Gianni Rodari, del quale ricorre nel 2020 il centenario della nascita. 

Circa 160 i relatori che animeranno più di 130 eventi, 70 per le scuole, pensati, spiegano i promotori, "per dimostrare quanto la ricerca scientifica manifesti proprio oggi, in condizioni dominate da forti limitazioni personali e geografiche, il suo carattere aperto, universale, privo di barriere, indirizzato unicamente al bene comune". A chiudere il festival, la conferenza-spettacolo ''I cieli stellati che cambiarono il mondo'', a cura degli astronomi del planetario di Roma Capitale, e il racconto della prima foto di un buco nero degli scienziati dell'Event Horizone Telescope (Eht), protagonisti dell'impresa.