Morto George Michael, celebre cantante degli Wham

George Michael durante un concerto nel 1993

Aveva 53 anni. La polizia: "Non ci sono circostanze sospette" legate alla scomparsa dell'artista

George Michael, celebre cantante degli Wham, è morto il giorno di Natale a 53 anni. Lo riferisce la Bbc. Michael divenne celebre nel corso degli anni Ottanta quando fondò con Andrew Ridgeley proprio gli Wham!, gruppo cult del periodo. Il suo staff afferma che "è morto serenamente in casa sua".

Morte George Michael, "Last Christmas": il classico di Natale del 1986

I soccorsi - riferisce la Bbc - sono arrivati nell'abitazione nel primo pomeriggio. La polizia precisa che "non ci sono circostanze sospette" legate alla morte dell'artista. Michael, il cui vero nome era Georgios Kyriacos Panayiotou ed era nato nel nord di Londra, ha venduto oltre 100 milioni di copie in una carriera durata quasi quattro decenni.

Morte George Michael, da "Club Tropicana" ad "Outside": tutti i video dei successi



"E' con grande tristezza che confermiamo che il nostro amato figlio, fratello e amico George è passato a miglior vita in casa sua. La famiglia chiede sia rispettata la privacy in questo difficile momento", recita il comunicato.

Tra i giganti del pop degli anni '80 e '90, Michael ha goduto di grande popolarità fin dall'inizio della sua carriera con gli Wham! - in coppia col chitarrista Andrew Ridgeley - e poi da solista con successi come "Wake me up before you go-go", "Careless Whisper, "Young guns (Go for it)" e "Freedom". Ha venduto oltre 100 milioni di album nel mondo; ha guadagnato numerosi Grammy e American Music Awards; ha duettato tra gli altri con Aretha Franklin, Ray Charles e Luciano Pavarotti.

Immediato il cordoglio del mondo della musica. «Ho perso un caro amico, l'anima più gentile e generosa e un artista geniale», ha scritto Elton John su Instagram. «Addio amico mio! Un altro grande artista ci lascia», scrive Madonna su Twitter. «Il mio cuore è spezzato. George è stato un genio musicale e sono grata di averlo conosciuto», afferma Liza Minelli su Facebook, «Oh Dio no... Ti amo George... Riposa in pace», ha scritto Robbie Williams. La perdita di Michael arriva in un anno di lutti nel mondo della musica, con David Bowie, Prince e Glenn Frey tra coloro che sono morti prima dei 70 anni.

Il personaggio. Georgios Kyriacos Panaytou, nato a Londra il 25 giugno 1963 da madre inglese e padre greco-cipriota, si era guadagnato la fama non solo per i meriti musicali, ma anche per i suoi problemi con la legge e con le droghe: crisi di depressione (per esempio, nel 1993 dopo la morte del compagno, il brasiliano Anselmo Fellepa, stroncato dall’Aids) e l’abuso di narcotici e di alcol lo avevano portato a entrare e uscire da cliniche per la disintossicazione. Aveva lui stesso raccontato di esser arrivato a fumare, in alcuni momenti della carriera, enormi quantità di marijuana, anche 25 spinelli al giorno.

Duetto George Michael e Elton John al Live Aid del 1985


Nel 2008 era stato fermato mentre fumava crack in un bagno pubblico. Nel 2010 aveva trascorso otto settimane in carcere perchè con l’auto era finito contro un negozio nel nord di Londra, sotto l’effetto della cannabis. Tre anni prima era stato ritrovato addormentato nella sua Mercedes e, dopo aver ammesso di fare uso di droga, aveva evitato la prigione grazie a 100 ore di lavoro ai servizi sociali. Dopo la morte della madre, nel 1996, aveva deciso di dichiarare la sua omosessualità. Interessato sin da adolescente al sesso con sconosciuti, in un’intervista a Piers Morgan aveva raccontato di aver avuto 500 diversi partner in sette anni.

Nel 1998 era stato arrestato in California, a Beverly Hills, per «atti indecenti» in un bagno pubblico. E alla fine nel 2009 era naufragata la sua turbolenta relazione con quello che era stato il suo partner per 15 anni, Kenny Koss, il quale poi gli era rimasto vicino anche quando nel novembre 2011 era stato ricoverato per una polmonite.