Il calcio indebitato e il rischio colpo di grazia da crisi-coronavirus