Maltempo, le previsioni sull’Italia: l’uragano in azione tra Sicilia e Calabria ancora per 36 ore, poi piogge al Centro. Al Nord farà più freddo

In 24 ore tra Catanese e la zona dell’Etna caduti quantitativi di pioggia impressionanti e pari alla media di 6 mesi. Sarà una settimana perturbata   

Strade trasformate in veri e propri fiumi, alluvioni lampo, auto e case travolte, dispersi, aerei dirottati. Tra Sicilia e Calabria è un vero e proprio disastro da più di 24 ore. La situazione è drammatica. Del resto sono sufficienti i numeri per capire l’entità di quanto sta accadendo: in alcune zone della Sicilia, tra il catanese e il versante ionico dell’Etna si registrano accumuli pluviometrici di picchi che arrivano fino a 400 millimetri in 24 ore quando in queste zone la media pluviometrica annuale non arriva a 800 millimetri. L’entità delle precipitazioni, dunque, ha assunto un livello eccezionale. 

Maltempo in Sicilia, fiume di fango travolge i binari ferroviari a Scordia: auto trasportate vie

La situazione attuale

Il vortice ciclonico che si sta abbattendo in queste ore non mollerà la presa facilmente. Piogge e temporali di forte intensità continueranno a colpire duro tra la Sicilia Orientale e la Calabria ionica. Il centro del ciclone in questo momento si trova al largo delle coste tunisine: il sistema perturbato ruota attorno al nucleo depressionario e lo farà ancora per le prossime 24/48 ore seppure con alcune pause. La depressione è profonda e il Mediterraneo in questo momento è l’epicentro del maltempo. Il flusso perturbato, poi, è molto esteso e come è possibile vedere dalle animazioni del satellite, le nubi raggiungono anche le regioni Settentrionali.  

[[ge:gelocal:la-stampa:site:1.40848296:gele.Finegil.Image2014v1:http://gazzettadimodena.gelocal.it/image/contentid/policy:1.40848296:1635157560/satellitebis.PNG?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=2011789]]

Dunque è un vero e proprio uragano quello che si sta abbattendo sulle regioni meridionali ioniche e sulla Sicilia. E questo è dovuto ai forti venti ad oltre 100 chilometri orari che ruotano attorno al nucleo depressionario. Domani – stando alle previsioni fornite da Ilmeteo.it – il vortice colpirà anche le regioni del Centro con piogge diffuse, mentre al nord il tempo tenderà a migliorare con più sole e l’ingresso di venti tesi di Bora e Grecale che faranno diminuire le temperature notturne. Il ciclone influenzerà il tempo al Sud per tutta la settimana, e sempre soprattutto la Calabria e la Sicilia ioniche, ma da giovedì anche la Puglia meridionale.

Alluvione nel Catanese, la distruzione e il luogo dove sono stati ritrovati i corpi degli anziani dispersi

Le previsioni nel dettaglio

Per oggi in Italia, secondo il servizio meteorologico dell'Aeronautica militare, il maltempo continuerà ad impervesare al Sud, mentre al Nord ci saranno estese velature, temporaneamente compatte, al mattino, con possibilità di qualche isolato piovasco sulla Liguria e al confine tra Piemonte e Lombardia. Nel pomeriggio sono attese ampie schiarite su Valle d'Aosta, Piemonte e Ponente ligure che, in serata, coinvolgeranno anche ovest Lombardia e Liguria di levante mentre aumenta la consistenza nuvolosa su est Emilia-Romagna e basso Veneto ma sempre in un contesto asciutto. Al Centro: un po’ instabile in Sardegna, molte nubi altrove. Al sud: forte maltempo sulla Calabria, piogge in Basilicata, sul Cilento e sulla Sicilia.

Maltempo in Sicilia, le immagini del disastro provocato dall'alluvione visto dall'alto

Martedì 26. Al Nord: cielo coperto al Nordest con qualche piovasco, più sole altrove. Al Centro: passaggio piovoso dalle regioni tirreniche verso quelle adriatiche, più sole in Sardegna. Al Sud: intenso maltempo su Sicilia e Calabria ioniche, rischio alluvioni lampo. Più asciutto altrove. Mercoledì 27. Al Nord: soleggiato. Al Centro: bel tempo, anche se con molte nubi. Peggiora sulla Sardegna orientale. Al Sud: instabile sulla Sicilia con maltempo intenso in serata. Asciutto altrove. Da giovedì nuova ondata di maltempo su Sicilia, Calabria e poi Puglia.

Maltempo in Sicilia, esonda il fiume Simeto a Catania: strade e abitazioni sommerse da acqua e fango

(fonte: La Stampa)