Massimo Bottura chef a New York nel decennale delle Torri Gemelle

La star modenese della cucina, noto in tutto il mondo, sarà prima oste a Castelfranco alla Sagra del Tortellino, poi volerà oltreoceano

Sarà lo chef Massimo Bottura, star mondiale della cucina, l’oste della trentesima edizione della Sagra del tortellino tradizionale di Castelfranco Emilia, nel Modenese. Da sabato 10 settembre a domenica 18 la manifestazione celebrerà e farà degustare la specialità che la leggenda vuole essere stata preparata per la prima volta proprio a Castelfranco. È organizzata dall’associazione di volontariato ’La San Nicolà, con la collaborazione del Comune di Castelfranco e il patrocinio della Provincia di Modena. Dama della sagra sarà la giornalista statunitense Monica Larner, editore di Wine Enthusiast Magazine, che con Bottura sfilerà in corteo domenica 18 e interpreterà la scena dell’origine del tortellino, ispirato dalla forma dell’ombelico di una nobildonna spiata dal buco della serratura. «Se dovessi scegliere una specialità da portarmi su un’ isola deserta, non avrei dubbi, sarebbe proprio il tortellino - dice Bottura -. Per me è un onore essere stato scelto come oste, così come poter essere ambasciatore dell’eccellenza della nostra cucina nel mondo. Il tortellino meriterebbe il presidio Slow Food per essere preservato e tramandato». Bottura ha confermato di essere stato designato come chef della cena di gala del 14 settembre a New York in Central Park, a Casa Barilla. Uno degli eventi clou di Summer of Italy, kermesse per promuovere la nostra cultura e che assume particolare valore nel decennale dell’attentato delle Torri Gemelle. La sera successiva si terrà, sempre in Central Park, il grande concerto di Andrea Bocelli.