“Angelo” sessantenne salva una ragazza in balìa dei rapinatori

Di sera in via Morane circondata e aggredita da tre balordi Soccorsa da un passante mentre le stanno rubando la borsa

Aggredita da tre balordi nordafricani in bici che le vogliono rapinare la borsetta, viene salvata da un sessantenne che passa in auto in quel momento. È stata una terribile disavventura, quella capitata a una 18enne modenese che abita in zona Morane. Domenica sera, intorno alle 23.30, la ragazza stava passeggiando verso casa con un amico. Tornavano da una serata in centro storico.

Racconta: «Io e il mio amico facciamo in tempo a voltare l’angolo del Cinema Estivo e lui mi dice di fare attenzione perché ci stanno seguendo tre tizi in bicicletta. Subito dopo uno dei tre mi taglia la strada chiedendo scusa e me li ritrovo tutti e tre addosso»

I balordi strappano la borsetta ma senza riuscirci: la ragazza resiste, mentre l’amico urla chiamando aiuto.

«Siccome non mollavo la presa - racconta la vittima - uno di loro mi ha afferrato il polso e me lo ha morsicato. Lo ha fatto davvero: ha affondato i denti». La ragazza porta ancora i segni.

Per un colpo di fortuna, proprio in quel momento in quel punto di via Morane svolta una Panda grigia. Il guidatore si deve fermare perché l’aggressione sta avvenendo ormai al centro della strada e il giovane sbraccia. «Dobbiamo tutto a quel signore. Un angelo - racconta la ragazza ancora commossa - siamo stati salvati da lui». Il sessantenne dai capelli bianchi suona il clacson con forza e fa scappare i tre rapinatori. Poi carica in auto i due ragazzi e si mette a inseguire i tre. «Aveva un gran coraggio - racconta la ragazza- ma purtroppo li abbiamo persi». I carabinieri hanno avviato le indagini. Lei spera di incontrare di nuovo il suo angelo coi capelli bianchi.

Carlo Gregori

La guida allo shopping del Gruppo Gedi