Ecco dove si può fare la spesa più conveniente

L’associazione ha verificato nei punti vendita. Gli Iper battuti dai Super Comprensorio Sassuolo zona più competitiva. Hard discount regno del risparmio

Esselunga e Unes a pari merito per la spesa più conveniente. È quanto emerge dalla 19esima edizione della ricerca Federconsumatori sull'osservatorio dei prezzi praticati dai supermercati, ipermercati e discount di Modena e provincia. I due punti vendita risultano infatti ai primi posti in città per l'acquisto dei prodotti “grandi marche”. Più indietro, al quarto e sesto posto, si classifica Coop con il Grandemilia e l'Ipercoop in via dello Sport, mentre al decimo posto si piazza il LeClerc-Conad alle Morane.

Per i prodotti sotto marca i discount e gli hard discount si confermano invece come il regno del risparmio. La ricerca condotta da Federconsumatori ha preso in esame il periodo ottobre 2013, mettendo a confronto diversi parametri commerciali come gli ipermercati, supermercati e discount incrociati alla situazione economica generale del territorio. Sotto esame un paniere di 460 prodotti, un campione di 400 consumatori che hanno risposto alla ricerca, e 108 attività della distribuzione finite sotto la lente di ingrandimento: 60 ipermercati, 36 supermercati e 12 discount. Quello che viene fuori, fotografa una situazione generale di crisi dei consumi che attraversa tutti i generi: se nel 2006 le famiglie che andavano nei discount erano l' 8,6%, nel 2012 la percentuale è raddoppiata. Il 77% dei modenesi invece dichiara che la condizione famigliare è peggiorata insieme a una percezione di aumento dei prezzi in tutti i punti vendita. A sei anni dall'inizio della crisi economica, si riduce anche l'acquisto di abbigliamento, le spese per i viaggi e per le manifestazioni culturali.

Nelle 84 pagine della ricerca Federconsumatori, si sono analizzate diverse voci come il prezzo pieno dei prodotti, e quello scontato con le promozioni per i soci delle catene distributive. Sotto esame sono finiti anche i prodotti come quelli delle “grandi marche”, poi i “private label” ossia i prodotti a marchio della catena commerciale e infine i “primi prezzi”, ovvero le sotto marche vendute nei discount. Proprio fra i discount, il punto vendita in cui conviene fare la spesa dei prodotti a primo prezzo risulta l'Eurospin di Cavezzo. Il comprensorio di Sassuolo risulta invece il posto più competitivo in cui fare la spesa. Una concorrenza generata soprattutto dalla presenza di diverse catene commerciali come Famila, Panorama, Esselunga e Coop, mentre la cooperativa di consumo deve in qualche modo mediare sui prezzi dei prodotti in quanto più ramificata sul territorio provinciale. La competizione tra marchi vede quindi dei prezzi più bassi fra gli scaffali, e i consumatori residenti nel distretto sassolese ricevono dei benefici in termini di risparmio alla cassa.

Federconsumatori precisa che «l'obbiettivo non è quello di definire classifiche o in modo superficiale individuare il punto vendita più conveniente in assoluto, ma il nostro intento è quello di fare una fotografia del livello dei prezzi praticati dalle diverse catene commerciali con l'intenzione di stimolare più concorrenza fra le diverse catene distributrici». Una ricerca contestata in diverse occasioni soprattutto dalle catene distributive prese in esame, ma anche una ricerca diventata forse troppo complessa nel rendere al consumatore una fotografia chiara e semplice dei prezzi dei prodotti, anche per la quantità e la mole dei dati analizzati. Da sottolineare anche che se le dimensioni dei punti vendita e la presenza sul territorio delle catene distributive si traducono in un aumento del prezzo al dettaglio, d'altra parte i consumatori risultano anche più informati.

Oltre il 43% dei consumatori intervistati per la ricerca, conferma infatti di guardare e confrontare le varie offerte e gli sconti pubblicizzati sui volantini.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi