Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Così Formigine abbraccia l’Europa

Due giorni con il Festival per spiegare i programmi Comunitari per i giovani, i progetti all’estero e l’info point Erasmus

FORMIGINE. «L’Europa? Troppo spesso è vista come matrigna, ma vogliamo mostrare che è anche benevola». Il sindaco Maria Costi cita Giacomo Leopardi per presentare la rassegna “Formigine Europa Festival”. Due tappe, domani e lunedì, con cui il Comune «intende fornire il bell’esempio di un’Europa pratica, concreta, che non sempre i cittadini riescono a vedere». Domani, lo spazio giovani “Centro anch’io” ospiterà dalle 16.30 “Leonardo’s Experiences”. Un incontro in cui i giovani che hanno parte ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

FORMIGINE. «L’Europa? Troppo spesso è vista come matrigna, ma vogliamo mostrare che è anche benevola». Il sindaco Maria Costi cita Giacomo Leopardi per presentare la rassegna “Formigine Europa Festival”. Due tappe, domani e lunedì, con cui il Comune «intende fornire il bell’esempio di un’Europa pratica, concreta, che non sempre i cittadini riescono a vedere». Domani, lo spazio giovani “Centro anch’io” ospiterà dalle 16.30 “Leonardo’s Experiences”. Un incontro in cui i giovani che hanno partecipato al programma comunitario Leonardo passeranno il testimone ai partecipanti. «Abbiamo mandato all’estero venti ragazzi - spiega Costi - ci abbiamo creduto tanto. Tornano arricchiti, pronti a raccontare la loro esperienza e a invogliare altri a partire. Sono più maturi, più capaci di relazionarsi e andarsi a cercare un lavoro». L’appuntamento si terrà nel giorno della Festa dell’Europa. Lunedì, invece, la sala consiliare del castello aprirò le porte per l’“Info Day Erasmus+ 2014-2020”. Un tavolo in cui, dalle 14.30, saranno introdotte le nuove procedure da seguire per prendere parte al programma di scambio rivolto a oltre quattro milioni di giovani europei. «Loro vedono l’Europa meglio di noi adulti», ha riconosciuto il sindaco, che interverrà alla presentazione, chiusa dall’ex ministro per l’Integrazione, Cécile Kyenge. L’attuale componente della commissione Cultura e istruzione del Parlamento europeo tornerà al castello dopo la contestazione dello scorso settembre. Interverranno anche l’assessore alle Politiche giovanili, Simona Sarracino, e Angela Miniati, componente dell’agenzia nazionale LLP-Indire, curatrice del programma. I programmi europei hanno avuto martedì un prologo con un’anteprima d’autore: la Nona di Beethoven. Una prima per la Spira Mirabilis, progetto musicale che porta alto il nome di Formigine nel mondo. «Vengono da 15 Paesi europei - ricorda il sindaco - sono stati e continuano a essere ambasciatori della cultura europea. Sono un gran bene per la nostra comunità, che riceve molto di più di quanto dà. Sono stata con loro al concerto di Medolla e ho visto quanto di positivo ha fatto l’Europa per il terremoto». Cornice a dodici stelle anche per il gemellaggio con Saumur. Una decina di famiglie formiginesi ha ospitato in questi giorni circa trenta francesi e dal 28 maggio al 2 giugno ci sarà il “viaggio di ritorno” nella Loira. «Presenteremo progetti di scambio su scuola, musica e giovani - anticipa Costi - abbiamo tanti punti in comune: i motori, la cucina, il castello. Siamo diversi, ma possiamo scambiare buone pratiche. Abbiamo in cantiere altri progetti con la città irlandese di Kilkenny».

Gabriele Farina