Modena. Concerti Festa Pd, si paga: polemica sul web

Prime anticipazioni sul programma che scatterà il 26 agosto. Bursi: «Punteremo sull’innovazione»

MODENA. Prime anticipazioni su quella che sarà la Festa dell’Unità del Pd a Modena e subito in rete arrivano le prime polemiche. Non c’entra la politica, ma la musica. Annunciati, infatti, tre importanti appuntamenti musicali, c’è subito chi ha fatto notare come in passato il pupubblico è entrato gratis, mentre quest’anno gli appuntamenti saranno a pagamento. C’è la crisi, insomma, anche per il Pd.

Si lavora, infatti, anche per costruire un cartellone degli spettacoli all'altezza degli anni passati. Un grande nome ha già avuto conferme: il 5 settembre, la Festa ospiterà i Subsonica. I biglietti del concerto sono già in vendita nel circuito Ticket One (www.ticketone.it), Booking Show (www.bookingshow.it) e Vivaticket (www.vivaticket.it). «Ospiteremo inoltre - spiega Leonardo Pastore, responsabile Feste della Segreteria provinciale - anche due date della rassegna “Modena Rock”, evento musicale inizialmente programmato per lo scorso mese di giugno e posticipato per motivi tecnico logistici. Siamo ovviamente molto soddisfatti di poter aggiungere già da ora al nostro cartellone due nomi del calibro di Francesco De Gregori, il 4 settembre, e gli Afterhours, il 18 settembre. Anche in questo caso già aperte le prevendite sul circuito Ticket One.

La Festa si inaugurerà mercoledì 26 agosto e rimarrà allestita fino a lunedì 21 settembre, quasi quattro settimane di incontri, cultura, spettacoli e gastronomia all’insegna del nuovo slogan che sarà “Fare innovazione, essere comunità”.

«I temi che abbiamo scelto per l'edizione 2015 della Festa - spiega il segretario provinciale del Pd Lucia Bursi - sono la cittadinanza e l'innovazione sociale, quel tipo di innovazione, cioè, capace di dare risposta ai bisogni della società rafforzandola allo stesso tempo in termini di legami e coesione. I temi saranno declinati in vari modi, col contributo dei protagonisti della società civile, della nostra comunità locale, del mondo della politica e delle Istituzioni, da quelle locali a quelle europee. In questi giorni stiamo cominciando a ricevere le prime conferme, e sono conferme che ci fanno ben sperare per un programma di qualità, variegato ed attrattivo».