Fibre d’amianto nell’acqua: «Via alla petizione online»

Dopo l’approvazione, in consiglio comunale, di alcuni punti relativi alla raccolta differenziata, proposti dagli appartenenti al comitato Carpi Differente, il gruppo di cittadini di cui è portavoce...

Dopo l’approvazione, in consiglio comunale, di alcuni punti relativi alla raccolta differenziata, proposti dagli appartenenti al comitato Carpi Differente, il gruppo di cittadini di cui è portavoce Stefano Bisi ritorna a farsi sentire su un altro tema di attualità e molto sentito dalla popolazione. Si tratta delle fibre di amianto nell’acqua pubblica: un argomento che da tempo preoccupa. Bisi ha lanciato una nuova petizione on-line dal titolo “No all’amianto nell’acqua nella rete idrica di Carpi”. «Questa raccolta firme intende porre l' attenzione sul grave problema della presenza di fibre di amianto nell' acqua con l' intento di sollecitare l’amministrazione a non sottovalutare il problema – si legge nel testo che correda la petizione - Sono tante le evidenze scientifiche fra cui una autorevole ed importante monografia dello Iarc, un organismo dell'Organizzazione mondiale della sanità, che testimonia come la presenza di fibre di amianto nell' acqua sia dannoso. Occorre pertanto partire subito con la sostituzione delle attuali condotte idriche». (s. a.)