Già 150 le band iscritte alla Woodstock fioranese

FIORANO. L'interesse per la manifestazione musicale “Sulla via Emilia per Woodstock”, lanciata dall'associazione San Rocco alcune settimane fa, forse ha colto di sorpresa gli stessi organizzatori. A...

FIORANO. L'interesse per la manifestazione musicale “Sulla via Emilia per Woodstock”, lanciata dall'associazione San Rocco alcune settimane fa, forse ha colto di sorpresa gli stessi organizzatori. A tutt'oggi già 150 gruppi si sono candidati per partecipare e alcune migliaia di persone hanno manifestato il loro interesse ad assistere. Hanno cominciato di conseguenza a diffondersi anche voci su luoghi del festival, partecipazioni, costi e disagi, che hanno reso necessario convocare una conferenza stampa non tanto per pubblicizzare l'evento del prossimo 15, 16 e 17 luglio, quanto per chiarire come stanno le cose e come si evolveranno. L'idea di base è un festival musicale al quale possono partecipare le band che suonano lungo la via Emilia, da Modena, Reggio, Bologna fino a Piacenza. Oltre all'associazione San Rocco che organizza, partecipano san Rock young e numerose altre realtà associative fioranesi, tra cui i Volontari della sicurezza, gli Amici del camper di Fiorano e altre che si uniranno. Cosa c'è dunque di vero in tutto quello che si è detto fino a oggi? Non il luogo: ne sono stati indicati molti ma in realtà non è stata data comunicazione di nessuno, verrà definito al più presto, una volta ottenuti tutti i permessi; non i partecipanti di nome che rimbalzano da una voce all'altra. Al momento sono confermati i Rio fra le guest star e alcuni gruppi locali nel cartellone: Kaos India, RoadHogs, Your own decline , Pink addiction. Ogni giorno la pagina facebook dell'evento aggiungerà due dei band selezionate. «Ci saranno alcuni ospiti di rilievo – spiega Roberto Montorsi, responsabile dell'associazione San Rocco – ma molti gruppi giovani, il nostro intento è creare un'iniziativa per loro e per fare emergere qualche nuovo talento, come del resto accadde nella Woodstock originale». Non ci sono ancora né biglietti né prezzi, ma ci sarà una prevendita: «Dal 1 maggio la organizzeremo, anche per avere al più presto una cognizione sulla dimensione che sta assumendo l'evento, che è totalmente autofinanziato, senza contributi comunali. Comunicheremo i luoghi di prevendita e i costi». Il sindaco Tosi rassicura anche sui possibili disagi: «Non ci saranno, è un'organizzazione complessa ma ci lavoreremo con attenzione, sia per quanto riguarda il traffico che per la permanenza delle persone«. Si stanno valutando anche alcune iniziative ecologiche legati ai bicchieri e ai piatti che i punti di ristoro dovranno erogare. Punto di riferimento dell'evento fino al suo svolgimento è la pagina facebook dell’associazione Fiera di San Rocco. I gruppi che intendono partecipare possono farlo entro il primo aprile compilando il modulo scaricabile e inviandolo a woodstocksanrocco@email.it.

Gabriele Bassanetti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi