Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’Amarcòrd al Cafè dà sollievo ai malati

È stata presentata ieri l’edizione 2016 di Amarcòrd al Cafè. Si svolgerà venerdì prossimo presso il Centro sociale Pederzoli di Limidi il primo appuntamento dell’iniziativa che prevede incontri a...

È stata presentata ieri l’edizione 2016 di Amarcòrd al Cafè. Si svolgerà venerdì prossimo presso il Centro sociale Pederzoli di Limidi il primo appuntamento dell’iniziativa che prevede incontri a cadenza quindicinale fino al prossimo 10 giugno. Giunto alla quinta edizione, Amarcòrd al Cafè è un appuntamento atteso, perché prezioso momento di incontro, relax e apprendimento tra malati di demenza (affetti da Alzheimer, demenza senile, demenza da Parkinson e postumi di ictus), familiari (i ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

È stata presentata ieri l’edizione 2016 di Amarcòrd al Cafè. Si svolgerà venerdì prossimo presso il Centro sociale Pederzoli di Limidi il primo appuntamento dell’iniziativa che prevede incontri a cadenza quindicinale fino al prossimo 10 giugno. Giunto alla quinta edizione, Amarcòrd al Cafè è un appuntamento atteso, perché prezioso momento di incontro, relax e apprendimento tra malati di demenza (affetti da Alzheimer, demenza senile, demenza da Parkinson e postumi di ictus), familiari (i cosiddetti caregiver), personale esperto e volontari. «Sono momenti di serenità – ha spiegato il sindaco – e al contempo occasioni per fornire ai familiari colloqui con specialisti, informazioni fondamentali, quali l’esistenza della figura dell’amministratore di sostegno, e supporto psicologico volto ad evitare le pericolose ripercussioni del burn out, esito patologico cui i caregiver spesso incorrono dopo lunghi periodi di stress legati alla malattia dei propri cari».

Amarcòrd al Cafè si svolge nell’ambiente non sanitario del bar del Centro dove, dopo la colazione, assistenti sociali, terapisti e volontari si impegnano a far vivere ai malati affetti da deficit cognitivo momenti di svago. Gli incontri sono gratuiti, non necessitano dell’esibizione di alcun certificato medico e sono agevolati dalla collaborazione della Croce Blu di Carpi che si è offerta di trasportare gli anziani da e per Limidi. «Il numero dei malati è in crescita – ha spiegato Andrea Selmi, assessore di Soliera – solo le persone affette da morbo di Alzheimer sono ben 600 mila in Italia». Ciò è causato dall’incremento del numero delle persone che raggiunge l’età avanzata, ma non solo. Aumenta il numero dei giovani colpiti da patologie quali demenza alcolica, demenza da Hiv o da trauma cranico.

Valeria Cammarota