Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Abbonati multati sui bus Seta a Modena? Giusto così»

Maletti (Amo) difende Seta che, unica in regione, sanziona chi ha già pagato il bus perchè non vidima. La Regione invita ad essere molto tolleranti, specie quando i bus sono stracolmi.

MODENA. «La norma c’è e va rispettata». Così Maurizio Maletti liquida così il caso delle multe agli abbonati per non aver vidimato il documento di viaggio. Dati della Regione alla mano, soltanto nel Modenese sono inflitte multe a chi non oblitera un titolo pagato anche centinaia di euro. Quindi non portoghesi ma utenti che pagano addirittura in anticipo il servizio..

«È giusto che a Modena si rispetti la regola regionale», spiega l’amministratore unico dell’Agenzia per la Mobilità, che ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. «La norma c’è e va rispettata». Così Maurizio Maletti liquida così il caso delle multe agli abbonati per non aver vidimato il documento di viaggio. Dati della Regione alla mano, soltanto nel Modenese sono inflitte multe a chi non oblitera un titolo pagato anche centinaia di euro. Quindi non portoghesi ma utenti che pagano addirittura in anticipo il servizio..

«È giusto che a Modena si rispetti la regola regionale», spiega l’amministratore unico dell’Agenzia per la Mobilità, che preferisce evitare paragoni con altre realtà., dove gli abbonati sono maggiormente rispettati

Cosa prevede la norma? «Gli utenti dei servizi di trasporto pubblico regionale e locale sono tenuti, in occasione del primo accesso al servizio e di ogni cambio mezzo, agli obblighi di validazione dei titoli di viaggio - si legge nell’articolo 3 della legge regionale 30 del 1998 - connessi a tariffazione elettronica relativa alla mobilità multimodale delle persone». Il tutto sia chiaro serve solo a fini statistici. L’articolo 4 precisa che l’obbligo«“potrà essere disposto in maniera coordinata dalle autorità competenti, inserito nei regolamenti di servizio e portato a conoscenza del pubblico in modo chiaro e permanente». Seta ha rispettato alla lettera i passaggi previsti dal testo. Tuttavia, la stessa Regione ha dato indicazioni di elasticità. Quindi non c’è obbligo di sanzione. La mancata vidimazione è “sanzionabile” ma non obbligata. Quindi quando sui bus si “viaggia come sardine”, le multe non sarebbero tassative. Ci vuole elasticità e, perchè no, un minimo di razionalità. Piuttosto, sono gli utilizzatori di mezzi troppo spesso pieni a considerare l’ulteriore pagamento una “tassa” per un cattivo servizio, visot che i bus sono strapieni.

«La norma va rispettata - ha insistito Maletti - in ogni caso, va attuato il buon senso».

A Modena pare non esserci vista la pioggia di multe (ndr). A Bologna, in cui era sorta una questione analoga, abbiamo effettuato un sopralluogo. Il risultato? È il buon senso a prevalere.

Da Seta su nostra precisa richiesta di spiegazioni avevano difeso la regolarità nella capienza dei viaggi sovraffollati, e suggerito agli utenti di ricorrere al “passamano” del titolo di viaggio...

E pensare che a Bologna il sindaco Virginio Merola ha promesso “bus gratis per gli studenti delle medie”.

«Il Comune di Bologna normalmente fa sì che gli studenti delle elementari e delle prime classi ricevano a casa un abbonamento gratuitamente - commenta Maletti - e dà un contributo “una tantum”. C’era un’ipotesi valida per la prima e la seconda elementare soltanto nel Comune di Modena. Ce ne sono ancora altre, come gli abbonamenti molto agevolati per gli studenti grazie a un accordo tra l’azienda per il diritto allo studio, l’ateneo di Modena e Reggio, Seta».

Gabriele Farina