Modena, treno merci deraglia sul Canaletto, macchinisti salvi. La Regione chiede di fare chiarezza

Il treno ribaltato in zona San Matteo

In località San Matteo un convoglio ha perso il controllo ed è finito fuori dai binari cadendo dalla massicciata

MODENA. Questa mattina, giovedì 16 giugno, un treno merci è uscito dai binari per motivi che sono tuttora al vaglio degli inquirenti. Il convoglio si trovava sul binario esclusivo per le merci ed era diretto alla zona industriale, quando è deragliato cadendo dalla massicciata e si è appoggiato su un fianco.

Immediati i soccorsi con vigili del fuoco, ambulanze ed elisoccorso del 118.

I due macchinisti che si trovavano all'interno del locomotore sono stati estratti dai vigili del fuoco dopo pochi minuti e sono in buone condizioni: non hanno mai perso conoscenza, per loro solo qualche contusione e sono stati trasportati in ospedale per accertamenti.

Un treno merci deraglia a San Matteo di Modena, salvati i macchinisti

E ora inizieranno le lunghe operazioni di recupero del treno e le accurate indagini per capire che cosa abbia causato il deragliamento.

LA REGIONE CHIEDE CHIAREZZA. Sul deragliamento di un treno merci avvenuto in mattinata a San Matteo, nel Modenese, occorre «fare chiarezza con tutti gli accertamenti necessari per chiarire cause e responsabilità». È quanto sostiene, in una nota, l'assessore regionale alle Infrastrutture e trasporti, Raffaele Donini. Il convoglio, che stava facendo una manovra nello scalo merci di Quattro Ville, per dinamiche ancora da accertare è uscito dai binari e si è rovesciato in parte lungo la massicciata.

«Voglio esprimere la mia vicinanza ai due macchinisti feriti - ha sottolineato Donini - e ringraziare vigili del fuoco, 118 e polizia, intervenuti sul posto tempestivamente. È fondamentale- ha concluso l'assessore regionale - che si faccia chiarezza sull'accaduto, con tutti gli accertamenti necessari. Occorre che venga garantita sempre la massima sicurezza nella circolazione ferroviaria».