Barista e benzinaio a San Cesario beffano i ladri

San Cesario. Al distributore Coop e alla Nuova Rinascita scongiurati i colpi grazie ai trucchi antifurto

SAN CESARIO. Ci hanno provato due volte, ma sono dovuti fuggire sempre senza a mani vuote. Non si può però certo dire che alla banda di ladri che ha agito nella notte sia mancata la programmazione e la fantasia. Nel mirino sono finiti il distributore di benzina della Coop e il bar Nuova Rinascita di corso Vittorio Veneto. Al distributore i banditi hanno forzato la plafoniera di due lampioni per “succhiare” l’energia elettrica necessaria a far funzionare un flessibile. Hanno quindi tagliato la colonnina del self service, convinti di trovare la cassetta dei soldi utilizzato per il rifornimento automatico, ma si sono scontrati contro un nuovo sistema antifurto: le banconote, infatti, ogni cinque minuti vengono trasferite con un ingegnoso meccanismo in una cassaforte nelle vicinanze. Espediente necessario a scongiurare furti analoghi. Ma la banda non poteva saperlo.

Non è riuscito neppure l’assalto al bar Nuova Rinascita, su cui si erano concentrati per almeno due ore. Poco prima di mezzanotte, infatti, è stato fatto suonare intenzionalmente l’allarme per verificare i tempi di reazione delle forze dell’ordine. Poi alle 2,30 ecco il colpo: hanno forzato la porta d’ingresso, ma sono stati bloccati dall’impianto schiumogeno, installato dai proprietari che pochi minuti dopo il furto erano sul posto insieme ai carabinieri e ai vigili del fuoco di Vignola. (fd)