Modena. Albinelli è Cinecittà: gli attori si gustano la cucina modenese

Panino al cotechino al bar Schiavoni, caffè dall’Angiolina e poi i ciak di Aziz e compagnia ai tavoli della trattoria Aldina

MODENA. Seconda giornata di riprese per la troupe americana di "Master of none" che ha deciso di immortalare i luoghi più storici e caratteristi della città. Sono partite ieri mattina all'alba le riprese al mercato Albinelli per poi continuare al Bar Schiavoni, bar Cappuccino e finire con un piatto della tradizione alla Trattoria Aldina.

Tante le comparse che hanno attraversato via Albinelli e si sono sedute a chiacchierare ai tavolini dei bar mentre Aziz Ansari, creatore e protagonista della serie nei panni di Dev Shah si è gustato il famoso panino al cotechino del bar comodamente seduto insieme al fedele amico Arnold, suo braccio destro nella prima stagione, interpretato dall'attore Eric Wareheim.

«Eating in Italy it's my favourite thing«; questa la frase che Dev e Arnold hanno pronunciato insieme mentre è scattato un sentito brindisi con il panino al cotechino davanti ad uno spritz. Una scelta, quella di Aziz, che ha voluto elogiare soprattutto la cucina, sua grande passione anche nella prima stagione, insieme alla pasta. «È davvero un onore far parte di una serie tv - ha commentato Sara Fantoni, titolare insieme alla sorella Chiara del bar Schiavoni - loro sono stati molto disponibili e simpatici e hanno mangiato e gradito molto il nostro panino». Una prelibatezza made in Modena che difficilmente si può trovare a New York: «Una belle esperienza che non vediamo l'ora di vedere su Netflix». Ansari ha deciso di elogiare Modena in tutte le sue sfaccettature e il cibo non può mancare, infatti dopo Schiavoni si è passati prima al bar Cappuccino da Angiolina a due passi dal mercato dove si presuppone che Ansari abbia voluto includere il "vero" cappuccino italiano nella scena fino alla storica Trattoria Aldina, proprio di fronte al mercato, dove il cast ha girato altre scene e dove la cucina modenese ha continuato ad essere la protagonista. «Un'esperienza molto bella - ha affermato Gian Luca Ferri, titolare del locale - e per noi anche un'occasione per far conoscere la trattoria e la vera cucina modenese». Anche la moglie Monica ha assistito alle riprese all'interno della trattoria ed è rimasta colpita dall'affiatamento del gruppo: «Italiani (modenesi, romani) e americani, c'era un bell'affiatamento ed è bello vedere come funziona il cinema, ci siamo goduti un gran bello spettacolo». L'attore era già stato a Modena qualche mese fa per perlustrare e studiare la città e pare si sia innamorato di questo angolo di centro storico, come racconta anche Sara Fantoni: «Era venuto a febbraio da noi, aveva mangiato il nostro panino e Modena gli era piaciuto moltissimo». Una scelta quindi dettata dall'amore per la nostra città che presto sarà visibile a tutto il mondo su Netflix. Ma non è finita qui: se la Mastronardi è già parte integrante di queste "vacanze modenesi" ieri è arrivato a Modena anche un altro attore, già affermato nel panorama italiano, Riccardo Scamarcio che prenderà parte alla serie e reciterà al fianco del cast presso il Menomoka caffè, altro locale di Corso Canalchiaro che si va ad aggiungere ai locali modenesi selezionati da Ansari per la serie comedy. Le riprese partiranno questa mattina al locale in San Francesco e andranno avanti fino a sera per poi proseguire nei prossimi giorni in giro per il centro storico. Domani sera inoltre sono previste alcune scene in piazza Grande, luogo imperdibile per chi vuole immortalare Modena.