A Modena Salvini, Grillo e Renzi sono un videogame

Video, web, fumetti, protagonisti al debutto di Modena Nerd e c’è pure un originale gioco con i politici versione Rambo

MODENA. Finalmente anche i nerd hanno la loro fiera. Un universo totalmente dedicato al mondo dei fumetti, videogiochi, youtuber e ovviamente cosplayer che ha preso vita a Modena Fiere e che fino a stasera regalerà ai visitatori iniziative, gare di cosplayer, videogiochi e ospiti d'eccezione. Ieri è stata la volta dei doppiatori Leonardo Graziano e Gabriele Lopez che prestano ogni giorno le proprie voci ai protagonisti di una delle serie nerd più amate di sempre: "The big bang theory".

I doppiatori di Big Bang Theory in esclusiva per la Gazzetta

Hanno esordito con i loro cavalli di battaglia, la famosa battuta di Sheldon "Bazinga" e le continue discussioni fra i due coinquilini. "Siamo molto felici di essere qui - commentano i doppiatori - i fan ci hanno accolto con grande gioia e la fiera ci piace molto". Una serie che vanta dieci stagioni, ancora in programmazione e dove i doppiatori ormai si sentono legati ai protagonisti: "Ci conosciamo bene ormai - scherzano entrambi - possiamo dire che fanno parte di noi per certi versi e siamo molto contenti che la serie continui a piacere". Un altro trend molto in voga solo gli youtuber, giovani che hanno fatto di YouTube il loro lavoro e che ogni giorno vengono seguiti da migliaia di persone. Tra questi Simone Paciello, in arte Awed, che ieri ha scatenato le urla dei fan insieme a iPantellas e Eleonora Oliveri che hanno riscosso molto successo. Ma non sarebbe un festival nerd senza i videogiochi e come citato all'inizio, qui non mancano, anzi.

Per tutte le età e per tutti i gusti, i videogames del Modena Nerd possono soddisfare anche le richieste più originali come la creazione di Marco Alfieri "Call of Salveenee" dove i politici populisti italiani diventano dei guerrieri che devono a tutti i costi salvare i Marò.

Ecco il videogioco con Salvini, Grillo e Renzi

Si può scegliere se giocare con Salvini, armato di ruspa, Renzi che come arma utilizza i suoi amati 80 euro e Beppe Grillo che contro gli avversari scaglia le sue famigerate scie chimiche. «Per troppo tempo ho ascoltato i discorsi dei politici - racconta Marco - e da lì è nato il mio videogioco, dove il populismo è di casa».

Se i politici diventano i protagonisti di un videogioco anche Modena lo è grazie a "Exit Limbo" dove i demoni interiori di Mr Rhino hanno preso vita è trasformato la città in una proiezione della sua mente malata. I creatori modenesi del gruppo Virtualcraft, oltre ad aver portato il gioco a Modena Nerd, sono arrivati in finale nella sfida tra i più importanti sviluppatori italiani, che si è tenuta ieri, per contendersi il "Modena Nerd Indie Award", tra 26 videogames in gara e oggi potrebbero vincere l'ambito premio. Fiera che si concluderà oggi pomeriggio alle 18:00 con il concerto di Cristina D'Avena, la cantante amata da grandi, piccini e ovviamente nerd.