Modena, abbraccia l’ex fidanzata e parte la rissa

Il 18enne modenese colpito da una testata da un coetaneo geloso che poi, assieme ad altri, ha picchiato anche i suoi amici

MODENA. Un 18enne di Scandiano ha aggredito, all'interno di un locale pubblico di Castellarano, un rivale in amore, un suo coetaneo modenese. Motivo del contendere? Il ragazzo modenese era “colpevole” di essere stato abbracciato dall’ex fidanzata, che abita nel Reggiano.

La reazione a quell’abbraccio è stata pressoché immediata: i118enne scandianese non ha esitato ha dare una testata al coetaneo.

Ma non è finita qui: subito dopo, ha teso un vero e proprio agguato sia al modenese che a tutti i suoi amici.

Il 18enne ferito nell’orgoglio assieme alla sia banda di amici infatti, si sono armati di bottiglie con il collo rotto, e hanno pestato a calci e pugni quattro ragazzini modenesi finiti in ospedale.

I carabinieri della stazione di Castellarano, quindi, hanno denunciato il 18enne scandianese e suoi due amici reggiani, tra i quali un minorenne. L’accusa con cui i militari hanno denunciato i tre, è di minaccia e lesioni personali aggravate.

I quattro modenesi, un 22enne e tre 18enni, sono ricorsi alle cure mediche riportando lesioni giudicate guaribili fra i tre e i 10 giorni. Secondo la ricostruzione effettuata da parte dei carabinieri di Castellarano, che stanno proseguendo nelle indagini per risalire all’identità di complici che avrebbero contribuito a scatenare la rissa, le vittime si trovavano insieme a due loro anche all’interno di un locale pubblico di Castellarano dove, in quel momento, si trovavano anche i loro aggressori. Entrando nel dettaglio, il 18enne scandianese ha notato che la sua ex ragazza stava abbracciando un giovane: è intervenuto subito minacciando il ragazzo, che ha ricevuto una testata.

La presenza di altre persone nel locale e dei responsabili dell’attività, ha riportato la situazione in uno stato di calma apparente.

Il 18enne scandianese ha concepito come un vero e proprio affronto vedere l’ex ragazza abbracciare un altro. Così, è scattata la vendetta. Il gruppo di amici hanno atteso all’uscita i giovani, ignari di tutto, tendendo loro un’imboscata. Ad avere la peggio sono stati proprio i quattro modenesi, i quali sono stati pestati.

Gli aggressori, subito dopo il pestaggio, si sono dati alla fuga. I carabinieri hanno avviato le indagini e sono riusciti a risalire ai primi tre aggressori. Una volta che i tre sono stati identificati, i militari hRanno provveduto a denunciarli alla Procura. Le indagini ora non sono terminate. Anzi, il lavoro investigativo prosegue per risalire all’identità dei complici di questo regolamento di conti avvenuto sotto gli occhi di diversi testimoni, le cui deposizioni potrebbero essere utili.