«Compro auto in contanti. La truffa è dietro l’angolo» anche a Modena

Il nostro viaggio tra società non chiare e denunce delle associazioni consumatori. Propongono cifre inferiori, pagano subito. Ma spesso ci sono brutte sorprese

MODENA. «Acquistiamo auto usate pagamento immediato in contanti». Così uno dei tanti annunci che spesso è possibile trovare sulla propria vettura parcheggiata. Ma vendere la propria auto in questo modo è una scelta che può presentare tante insidie. Così abbiamo provato a tentare di vendere un’auto.

Tutti i compro auto contattati per via telefonica hanno infatti sempre proposto una serie di varie illegalità: una zona grigia del mercato dell’usato che presuppone l'esistenza di «un'organizzazione strutturata che compra auto in Italia per rivenderle nell'Europa dell'est», spiega Adalberto Biasiotti rappresentante modenese dell'Unione nazionale consumatori, che avverte: «La frode in questo tipo di vendita è dietro l'angolo, e la trasparenza assente».

Modena "Compro auto in contanti". attenzione alle truffe

LA TRATTATIVA. Per questo test sono stati chiamati per telefono 8 compro auto a cui è stata simulata la vendita di due vetture: una berlina di marca tedesca del 2010 valutata dal listino Eurotax a 10 mila euro; e una piccola utilitaria inglese del 2005 valutata dall'Eurotax 3 mila euro. Tutti i compro auto hanno solo telefoni cellulari, elemento che rende difficile capire zone e province in cui operano. A una richiesta di informazioni su come funziona la vendita, la trattativa entra subito nel vivo con le stesse domande, secondo un copione: «Che anno è?», «La vengo a vedere», «Pagamento subito». Per la berlina tedesca i compro auto tagliano la quotazione ufficiale e propongono 5 mila euro mentre per l'utilitaria inglese mille euro.

L'APPUNTAMENTO. I compro auto per telefono hanno metodi sbrigativi come «andiamo in «agenzia a fare il passaggio in giornata», o «anche se è senza assicurazione, ti pago la macchina e la porto via con la targa prova», spiega un altro. Durante le trattative i compro auto puntano soprattutto sulla disponibilità di soldi in contanti, e sul pagamento immediato della vettura, elemento che può far leva sui cittadini con problemi economici.

IL PAGAMENTO. Per la normativa l'importo massimo è di 3 mila euro in contanti, e i compro auto per telefono propongono diverse soluzioni come assegno circolare o bonifico. Ma appena si chiede il pagamento in contanti, la telefonata prende un'altra direzione. Si intuisce che i compro auto hanno grosse disponibilità di denaro liquido.

PRUDENZA. Adalberto Biasiotti avverte su una serie di incognite in cui è possibile incappare in vendite di questo genere: «Il mio consiglio è quello di evitare di vendere l'auto nel fine settimana perchè le agenzie, Aci e Motorizzazione sono chiuse. Spesso i compro auto hanno anche a disposizione persone che fingono di essere notai. Ricordo che il passaggio di proprietà deve essere confermato dal Pra pubblico registro automobilistico, e senza conferma l'auto continua a essere di vostra proprietà. Durante la trattativa di persona fate molta attenzione alle distrazioni. I compro auto lavorano quasi sempre in coppia: non date mai le chiavi o il telecomando in mano a loro perchè possono copiare la chiave con della gomma americana o clonare i codici del telecomando. Se la trattativa non va a buon fine i compro auto hanno tutti gli elementi per mettervi in difficoltà. Per il pagamento è capitato che utilizzino banconote false in mazzetta perchè in questo modo non si percepisce la lieve differenza tra quelle vere e quelle false. In conclusione consiglio la massima prudenza. Purtroppo il cittadino non è preparato contro questo tipo di frode, ed è allettato dalla possibilità di vendere in fretta anche se a prezzi stracciati la propria auto, cosa che spesso può risultare piuttosto faticosa. Così facendo abbassa tutti i livelli di guardia che ognuno di noi dovrebbe avere quando conduce una trattativa del genere, trattandosi non di un semplice oggetto, ma di un bene complicato che ha anche un notevole costo».