Malandrone-Pratolino: via al terzo stralcio

Pavullo. Cantiere già a primavera mentre si sta completando quello a ridosso del bivio Serra Parenti

PAVULLO. Partiranno in primavera a Pavullo i lavori del terzo stralcio, già finanziato e appaltato, dell'adeguamento della Malandrone-Pratolino. Nel frattempo terminerà il cantiere del secondo lotto, che riguarda un tratto intermedio in prossimità del bivio per Serra Parenti, dove la carreggiata viene allargata, adeguata e consolidata contro il rischio frane. I lavori di questa seconda tranche hanno un costo complessivo di circa 1,2 milioni, finanziati con il Patto territoriale dell'Appennino modenese, gestito dalla Provincia di Modena, più un contributo di 600mila euro della Provincia stessa, che aveva già contribuito con 700mila euro al primo stralcio. «L'intervento ha una valenza strategica non solo per Pavullo, ma per tutto il Frignano – sottolinea il presidente della Provincia Gian Carlo Muzzarelli - i contributi rappresentano un impegno per concludere in tempi rapidi un'opera che ha una ricaduta positiva anche sulla viabilità provinciale e sull'economia dell'area». Il piano prevede l'allargamento e la riqualificazione di diversi tratti della strada comunale per realizzare una sorta di variante che, collegando l'area urbana alla statale 12 all'altezza di Pratolino, permetta di decongestionare il centro, snellendo i collegamenti con la pianura. Ai progetti esecutivi si è arrivati gestendo senza scontri la fase dell'acquisizione delle aree necessarie: nei confronti di tutti i proprietari si è proceduto con trattativa bonaria. L'investimento complessivo supera i 5 milioni, finanziati in buona parte con le risorse statali provenienti del Patto territoriale. Accordo che, con 5,7 milioni complessivi, ha permesso in questi anni di procedere anche all'adeguamento della strada comunale Fondovalle Dolo tra Frassinoro e Montefiorino e alla posa della fibra ottica tra Marano, Guiglia, Zocca e Montese.