«Troppi lupi, in Appennino gli allevamenti chiudono»

Coldiretti lancia un nuovo allarme per «la presenza incontrollata di branchi di lupi che sta scoraggiando sempre di più nelle aree dell'Appennino le attività di allevamento, mettendo a rischio non...

Coldiretti lancia un nuovo allarme per «la presenza incontrollata di branchi di lupi che sta scoraggiando sempre di più nelle aree dell'Appennino le attività di allevamento, mettendo a rischio non solo uno dei principali tessuti economici delle aree montane, ma lo stesso equilibrio ambientale e l'assetto idrogeologico che trova nella presenza delle attività umane un fattore di stabilità».

Coldiretti evidenzia questi problemi commentando positivamente i contenuti del Piano nazionale per la conservazione del lupo, che prevede anche l'eventuale abbattimento di capi. «Se nella grande manifestazione del giugno scorso - ricorda Coldiretti - avevamo posto con forza la questione dei danni da animali selvatici, tra cui quelli del lupo, senza avere risposte concrete dalla Regione, con il Piano nazionale si prende almeno in considerazione il problema e se ne prospettano soluzioni».

In provincia di Modena, calcola Coldiretti, sono 233 gli allevamenti di pecore e capre “a rischio lupi”, per un totale di quasi 5mila capi. «Gli allevatori - dice l'associazione - non ne possono più di allevare capi per alimentare i lupi. Nel 2015 sono stati uccisi in Emilia Romagna più di 300 capi, che costituiscono però solo la punta dell'iceberg, in quanto molto più pesanti sono i danni collaterali. Gli animali, a causa dello stress provocato dagli attacchi, riducono drasticamente la produzione di latte, con pesanti tagli al fatturato aziendale. Senza contare il rischio per le persone e gli altri animali, come dimostrano i recenti fatti di cronaca. Secondo i dati disponibili dell'Ispra, nell'Appennino emiliano-romagnolo - conclude Coldiretti - ci sono mediamente più di 200 lupi, ai quali bisogna aggiungere un numero indefinito di ibridi, cioè di capi nati dall'incrocio di cani e lupi».