Economia modenese in lutto: è morto Mario Veronesi

Aveva 85 anni e fu il fondatore del distretto biomedicale mirandolese. Ha creato le aziende che hanno fatto la fortuna del settore, con migliaia di posti di lavoro e che esportano in tutto il mondo. L'economia perde un genio

MIRANDOLA. Il mondo dell'economia è in lutto. E' morto il dottor Mario Veronesi, fondatore del distretto biomedicale di Mirandola, uno dei più importanti del mondo. E capace di creare migliaia di posti di lavoro e aziende, alcune delle quali finite nelle mani di multinazionali, che esportano nei settori della sanità di tutto il mondo.

Nato nel 1932, Veronesi negli ultimi anni, per un beffardo destino, era costretto ad effettuare la dialisi. Proprio lui che fondando il biomedicale era stato anche uno degli inventori degli strumenti più sofisticati per aiutare i dializzati.

Figlio del medico Renzo Veronesi e di Lara Grilli, si laureò in Farmacia e acquistò un esercizio commerciale a Mirandola che gestì personalmente fino all'età di 30 anni, quando intraprese l'attività di rappresentante dei medicinali per una multinazionale statunitense.

Come spesso è accaduto per tanti self-made man emiliani e italiani iniziò l'attività in un garage sotto casa e da lì creò una serie di aziende diventate capofila del biomeedicale italiano. I loro nomi: Miraset,Sterilplast, Dasco, Bellco, Dideco, Dar e l'ultima azienda Starmed.

Veronesi è deceduto ieri sera, lunedì 12 giugno, e proprio alla Gazzetta, per la visita del Papa di inizio aprile, aveva rilasciato uno dei suoi ultimi interventi pubblici attraverso un articolo.