Vincono da Amadeus e su internet piovono minacce e insulti 

La storia di tre ragazze modenesi che l’altra sera su Rai Uno hanno superato i campioni: i fan degli sconfitti si scatenano

MODENA. Neanche avessero sbattuto fuori l’Uomo-gatto, il supereroe di tante stagioni di Sarabanda, o uno di quei sapientoni che sbancavano i quiz di Mike Bongiorno.

Perché a Chiara, Annachiara e Noemi è bastato far fuori i “Tre di danari” per guadagnarsi l’odio perenne - e fin qui poteva anche andare bene - e gli insulti in pubblico (cosa già più fastidiosa) dei fan del trio che ha chiuso con la trasmissione dopo 35 puntate (e 400mila euro in tasca).

Un episodio di cyberbullismo che ha coinvolto tre giovani studentesse modenesi, che all’inizio di questa settimana hanno partecipato a “Reazione a catena”, il programma di Rai 1 che mette al centro l’italiano e le curiosità legate alla nostra lingua. Così, lunedì scorso Chiara Previdi, Noemi Agnani e Annachiara Socciarelli, ovvero “Le Caffeine”, si sono giocate al meglio le loro abilità comunicative e la loro simpatia, battendo i campioni in carica. Sconfitta che però non è andata giù agli agguerritissimi fan del trio di campioni, che hanno iniziato a ricoprire di insulti le tre ragazze. Insulti sempre più pesanti che hanno riempito la pagina Facebook del programma, mentre la squadra eliminata non ha aperto bocca. Fan che peraltro, guardando i profili, sono persone adulte (in buona parte donne) e pienamente consapevoli di quello che stavano scrivendo.

«Quando abbiamo eliminato i “Tre di danari” - spiega Noemi Agnani, 23enne studentessa di Scienza della Comunicazione all’Unimore - sapevamo che saremmo state massacrate, ma non avremmo mai immaginato di arrivare a questo punto». Così, dopo l’uscita di scena di mercoledì, quando sono state a loro volta eliminate - per la gioia dei fan degli ex campioni - le ragazze hanno condiviso un messaggio di replica: «Vedere il vostro accanimento nei nostri confronti è stato davvero avvilente e, per quanto certi insulti non possano che essere ignorati per la loro infondatezza, non è stato piacevole leggere le cattiverie che avete avuto il coraggio di scrivere».

Un episodio che non ha cancellato la bella esperienza delle tre modenesi, che ringraziano lo staff e il conduttore Amadeus. Forse ringraziano un po’ meno il concittadino che, dopo il loro ritorno a Modena, ha commentato il caso con un “allora sono state eliminate, ste ciofeche”, anche se l’epiteto è decisamente più gradevole di quelli ricevuti prima.

Luca Gardinale