Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il pilota dell'elicottero per Modena Park: "Vasco, un vero gentiluomo"

Mario Marinelli, carpigiano, ha accompagnato in volo il Blasco da Rimini a Modena nei giorni del concertone. "L’emozione - racconta - cresceva ogni giorno» 

Vasco Rossi a Modena Park: l'inizio di un concerto leggenda

CARPI. Le immagini scattate dall’alto della folla oceanica di spettatori che hanno riempito il parco Ferrari in occasione dello storico concerto di Vasco Rossi, il primo luglio scorso, hanno fatto sognare milioni di persone. Così come l’elicottero su cui si spostava il Blasco da Rimini verso Modena e viceversa per raggiungere il maxi palco sul q ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Vasco Rossi a Modena Park: l'inizio di un concerto leggenda

CARPI. Le immagini scattate dall’alto della folla oceanica di spettatori che hanno riempito il parco Ferrari in occasione dello storico concerto di Vasco Rossi, il primo luglio scorso, hanno fatto sognare milioni di persone. Così come l’elicottero su cui si spostava il Blasco da Rimini verso Modena e viceversa per raggiungere il maxi palco sul quale ha celebrato i 40 anni di carriera.

Vasco in volo su Zocca: "Ecco il paesello e là la casa di mia mamma

Alla guida dell’elicottero che faceva la spola dalla riviera al Campo della Fratellanza c’era Mario Marinelli, carpigiano, ex comandante di Alitalia, fondatore e amministratore delegato della società Aelia. Marinelli da oltre due anni è il pilota di fiducia di Vasco e lo accompagna, in aereo o in elicottero sui luoghi dei concerti.

Vasco Rossi in volo su Modena Park: "Ecco il mio popolo festoso"



«Vasco è una persona educatissima, riservata e addirittura timida: un’immagine diversa rispetto a quella del palcoscenico e, soprattutto, è molto diverso dai rocker che “se la tirano”: lui è gentilissimo e alla mano - racconta Mario Marinelli - Ci siamo conosciuti tramite contatti di lavoro comuni. Siccome, come Aelia, non possediamo elicotteri ad eccezione di un mezzo che, però, è destinato a uso privato, quando sono stato incaricato di accompagnare Vasco alle prove del concerto mi sono attivato immediatamente contattando una società di Roma. Ho, quindi, noleggiato un elicottero e per una decina di giorni, dalle 18 partivo da Rimini con Vasco verso Modena e, dal parco Ferrari, ripartivamo alla volta della riviera verso mezzanotte. Io ho visto cinque concerti e, man mano che trascorrevano i giorni e si avvicinava la data tanto attesa, si percepiva che il Blasco si caricava sempre di più. Lui è sempre cordialissimo, nonostante, non appena scenda a terra sia letteralmente travolto dai fan e sia sempre accanto alla guardia del corpo».

Timelapse 1 luglio 2017: Vasco Rossi a Modena park, tutto in 4 minuti



Particolarmente toccante, poi, il momento in cui Vasco ha chiesto a Mario di passare sopra le case di Bologna e di Zocca: un omaggio ai paesi in cui vive. «Gli piace molto volare in elicottero - continua a raccontare Mario, riferendosi a Vasco - Ha salutato i suoi amici passando in volo su Zocca. Poi, abbiamo fatto numerosi sopralluoghi con gli operatori per fare riprese e scattare immagini». La pista d’atterraggio prescelta per l’arrivo accanto a Modena Park è stata il Campo della Fratellanza. Una destinazione scelta pochi giorni prima del concerto. «Abbiamo optato per questo campo perché l’elisuperficie di Baggiovara in quei giorni era chiusa - prosegue Marinelli - Nel giro di quattro/cinque giorni abbiamo trovato la soluzione». Una scelta che, per essere certificata, ha avuto bisogno del sopralluogo di due tecnici Enac (Ente nazionale aviazione civile) da Venezia e Roma che confermassero il rispetto di tutti i parametri necessari per l’atterraggio.

Il lavoro di Mario lo porta in tutto il mondo, ma Marinelli non dimentica Carpi: è socio del Consorzio che ha avviato e portato a termine i lavori di riqualificazione all’aeroporto di Fossoli. «I privati del Consorzio hanno speso 250mila euro per le infrastrutture - conclude il pilota - tra poco faremo una cerimonia per presentarle. Ora tocca al Comune occuparsi dell’ampliamento della pista».