Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

«Che bello questo libro»... E Vasco se lo gusta tutto

Daniele Pelloni lo incontra a Zocca e gli regala il volume speciale della Gazzetta «Cercavo di incontrarlo da anni, gli ho anche chiesto di comprare il Modena...»

Metti un mercoledì pomeriggio a Zocca, sulle tracce di Vasco Rossi. Per lui, abituato a girare l’Italia per vedersi i concerti del Kom e assistere alle partite di calcio del Modena, non ci poteva essere epilogo migliore. E alla fine Daniele Pelloni ce l’ha fatta, ha potuto trascorrere qualche minuto insieme al suo idolo, omaggiandolo anche del libro “Benvenuti nella leggenda”, prodotto dalla Gazzetta e già in ristampa dopo il primo “sold out”.

«Quando gliel’ho dato per autografarmelo - svela ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Metti un mercoledì pomeriggio a Zocca, sulle tracce di Vasco Rossi. Per lui, abituato a girare l’Italia per vedersi i concerti del Kom e assistere alle partite di calcio del Modena, non ci poteva essere epilogo migliore. E alla fine Daniele Pelloni ce l’ha fatta, ha potuto trascorrere qualche minuto insieme al suo idolo, omaggiandolo anche del libro “Benvenuti nella leggenda”, prodotto dalla Gazzetta e già in ristampa dopo il primo “sold out”.

«Quando gliel’ho dato per autografarmelo - svela Danny - lo ha guardato incuriosito, si è messo a sfogliarlo e poi ha detto “ma che bello”. Non sapeva fosse uscito il primo libro post Modena Park e a quel punto gliel’ho regalato. Lui non voleva, ma sapete che emozione per me dare qualcosa di mio al Komandante. Anzi, alla fine gli ho strappato una promessa: tornerò a Zocca con un altro libro e lui mi farà una super dedica».

Il pomeriggio di Pelloni a Zocca era iniziato in compagnia dell’amica Loretta, che di Vasco è amica. «Siamo stati ad attenderlo per ore al BiBap, abbiamo visto arrivare i suoi bodyguard, la moglie ma di lui non c’era traccia. Alle 19 avevo perso ormai ogni speranza e invece eccolo là, in moto, quasi sommerso dagli altri fan. Pensavo che con quel caos il mio sogno non si sarebbe avverato quando Loretta, convincendo il barista che presidia la zona riservata a Vasco e ai suoi amici, è riuscita ad entrare. Ero talmente tanto emozionato, che mi ha dovuto trascinare tra la gente, non riuscivo a muovermi».

E così tra una chiacchiera e l’altra, un commento alla partita a carte, un doveroso confronto sul Modena Park e una chiacchierata molto familiare («È una persona fantastica, mi ha messo subito a mio agio, sembrava ci conoscessimo da quarant’anni») è arrivato il momento di salutarsi, Vasco doveva andare a cena.

«È stato molto disponibile, non so quante foto abbiamo fatto - spiega Pelloni - Poi gli ho anche chiesto di comprare il Modena, chi mi conosce sa quanto tenga ai gialli e gliel’ho detto: unire la mia passione calcistica con quella musicale sarebbe stato fantastico, ma il tentativo è andato a vuoto. Peccato. Chissà che non accetti di fare almeno l’inno come ha fatto Venditti per la Roma, io gliel’ho proposto...».

@francescodondi. ©RIPRODUZIONE RISERVATA