Morto per un malore Massimo Matteucci, protagonista del mondo cooperativo

L'ex presidente della coop Cooperativa muratori cementisti di Ravenna è spirato stamattina (15 agosto)

Lutto nel mondo cooperativo di tutta la regione. Morto per un malore Massimo Matteucci, presidente dal 1996 fino allo scorso maggio, quando era andato in pensione, della Cmc, la Cooperativa muratori Cementisti, colosso edilizio della cooperazione di Ravenna. Aveva 65 anni. Matteucci si  sentito male mentre si trovava in barca con amici al largo di Marina di Ravenna. Gli amici hanno allertato i soccorsi e sono tornati in porto ma all'arrivo Matteucci era privo di vita.


"Perdiamo un grande protagonista della vita economica, sociale e culturale - ricorda un comunicato di Legacoop Romagna -, un uomo di enorme valore che nella sua vita ha saputo compiere scelte strategiche difficili e importanti, sempre nell'interesse dei soci e in difesa dei principi in cui tanto credeva. La storia di Massimo Matteucci  legata a doppio filo con quella della Cmc, di cui  stato presidente per 21 anni, dal rilancio dopo la crisi degli anni Novanta, fino al grande sviluppo internazionale. Era entrato in cooperativa giovanissimo, nel 1973, e la aveva lasciata da pochi mesi, al termine di un percorso di ricambio generazionale da lui fortemente cercato, affinché Cmc continui ad avere salde radici negli ideali cooperativi e proiezione verso un futuro di sviluppo sui mercati". Matteucci a più riprese era stato anche contestato dal movimento no Tav per la partecipazione della Cmc alla realizzazione dell'opera.