M5S: Sergio, smemorata di Cutro ora lasci l’Urbanistica di Modena

Maria Sergio, ingegnere e moglie del sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, si dimetta «per opportunità politica» dal ruolo di dirigente all'Urbanistica del comune di Modena, assunto in seguito all'ele...

Maria Sergio, ingegnere e moglie del sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, si dimetta «per opportunità politica» dal ruolo di dirigente all'Urbanistica del comune di Modena, assunto in seguito all'elezione a sindaco del marito e dopo aver ricoperto in precedenza lo stesso incarico a Reggio. Lo chiedono i deputati del movimento 5 stelle Maria Edera Spadoni, Giulia Sarti, Michele dell'Orco e Vittorio Ferraresi, dopo le dichiarazioni rese martedì al processo Aemilia dal pentito Antonio Valerio.

Il collaboratore di giustizia infatti, elencando le famiglie mafiose attive a Cutro negli anni '70, ha citato anche «Feroce Sergio, nonno di Eugenio Sergio, parente della sindachessa consorte del sindaco di Reggio Emilia». I 5 stelle puntualizzano: «al netto delle dichiarazioni di questo pentito, avere parenti vicini o lontani legati alla 'ndrangheta non è un reato», ma rimproverano alla dirigente una serie di «dimenticanze», al punto da soprannominarla- parafrasando il titolo di un film di Totò - «la smemorata di Cutro». Ad esempio, scrivono i parlmentari, «Maria Sergio non ha mai chiarito la vicenda della casa di Masone, acquistata al grezzo dall'imputato in Aemilia Francesco Macrì».

Inoltre, interrogata come persona informata sui fatti dalla dda, «Maria Sergio non ricordava di fatto tantissime aziende calabresi operanti a Reggio, nemmeno quelle dei suoi parenti e ascoltata in aula come teste, dichiarava di non sapere praticamente nulla di 'ndrangheta , della comunità calabrese ed i suoi protagonisti a Cutro e Reggio».

Eppure, chiosano i pentastellati, «Stiamo parlando di una cittadina e una comunità di 10mila abitanti, non di una metropoli di milioni di abitanti». Visto che è «da oltre un anno e mezzo che chiediamo di fare chiarezza», chiudono gli esponenti del M5s, per opportunità politica chiediamo che la moglie del sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi lasci l'incarico di dirigente all'Urbanistica del comune di Modena e sia spostata ad altro incarico». Dal Comune immediata replica del sindaco che difende la sua dirigente «Dichiarazioni illogiche e infamanti» afferma Muzzarelli.