I Roversi, una famiglia tra lame e coltelli

«Le lavorazioni per l’industria ci hanno salvato, ma il nostro fiore all’occhiello rimangono i coltelli». Si raccontano così Roberto e Riccardo Roversi, rispettivamente papà e figlio… d’arte. Da...

«Le lavorazioni per l’industria ci hanno salvato, ma il nostro fiore all’occhiello rimangono i coltelli». Si raccontano così Roberto e Riccardo Roversi, rispettivamente papà e figlio… d’arte. Da quasi quarant’anni gli arrotini di via Nonantolana si occupano di affilare lame per il taglio della carta e del legno. «Tra i nostri storici clienti - ricorda Roberto - c’è Panini: non a caso lavoriamo anche le lame per il taglio delle figurine. Forniamo principalmente i tipografi di Modena e provincia. Ed è stata questa parte industriale del nostro mestiere a permetterci di portare avanti l’attività dagli anni Ottanta». Ma, da quando è subentrato il giovane Riccardo, questo antico mestiere artigianale ha preso una piega ancora più... tagliente. «Ho la passione per i coltelli - racconta il ragazzo - e per me è motivo di vanto poter preparare lame per le forbici da seta e forbici e rasoi per i barbieri. Inoltre, forniamo coltelli per molti ristoratori, tra cui i coltelli da sushi, di grande valore commerciale». Tuttavia, arrotare lame e ferri taglienti non è sempre stato semplice. «Ho iniziato ad affiancare mio padre nel 2004 - spiega Riccardo - e ho impiegato almeno cinque anni per preparare lame di coltelli senza che dovesse esser poi sistemate dal “maestro”: ci vuole molta passione e dedizione. Ora però sono il titolare dell’Affirlam». Dietro al bancone è possibile vedere una serie di macchine per la lavorazione delle lame che ricoprono varie generazioni. «Si parte dai macchinari a controllo numerico degli anni Novanta - mostra Riccardo - fino ai più moderni, completamente robotizzati. Abbiamo anche un tornio meccanico che apparteneva all’istituto Corni». Infine, la passione del giovane per le lame, l’ha portato ad avviare un progetto parallelo: la produzione industriale di spade da scherma.