Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mirandola, il caso Galilei: "Rifare gli argini e affrontare la crisi comportamentale che attraversa gli adolescenti

Il video (che non doveva esserci) dello studente che lancia per due volte il cestino in classe, seguito da urli e tifo da stadio, lascia sgomenti. Tuttavia un episodio così grave è un fatto isolato...

Il video (che non doveva esserci) dello studente che lancia per due volte il cestino in classe, seguito da urli e tifo da stadio, lascia sgomenti. Tuttavia un episodio così grave è un fatto isolato (per fortuna) ma il vero problema è la sempre più diffusa crisi comportamentale degli adolescenti fra i 13 e i 16 anni, cioè fra la scuola media ed i primi due anni di scuola superiore, professionali in particolare. Il danno formativo che deriva da queste situazioni è ben più grave di quanto denot ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il video (che non doveva esserci) dello studente che lancia per due volte il cestino in classe, seguito da urli e tifo da stadio, lascia sgomenti. Tuttavia un episodio così grave è un fatto isolato (per fortuna) ma il vero problema è la sempre più diffusa crisi comportamentale degli adolescenti fra i 13 e i 16 anni, cioè fra la scuola media ed i primi due anni di scuola superiore, professionali in particolare. Il danno formativo che deriva da queste situazioni è ben più grave di quanto denotano singoli episodi. Il dato statistico è noto, oltre il 10% d’insuccesso scolastico, dispersione e abbandoni, forme di marginalità e un peggioramento sensibile sul livello generale. È chiaro che la presenza degli studenti stranieri ha aumentato il problema, non sarebbe onesto nasconderlo: come giustamente mi ricordava un amico e collega in una certa epoca avevamo tutti qualcosa in comune: la religione, praticata o negata, luoghi da frequentare, l’adulto riconosciuto come figura (a prescindere), la riconoscibilità delle famiglie, l’autorità della scuola e dell’insegnante, le parrocchie, i servizi comunali; da giovani saranno i partiti, i sindacati, le associazioni …

Mirandola: lancia il cestino in faccia alla professoressa



Di tutto questo oggi non rimane nulla, tutto è da costruire. Lasciando stare le analisi politiche (destra o sinistra) quasi sempre strumentali e fatte da persone che parlano “a braccio”.

a) Le scuole sono le sole che si occupano di questa fascia di età (a parte i servizi socio-sanitari per categorie definite dalla legge). Non basta più. Occorre costruire una vera rete fra scuole, sevizi del comune, distretto sanitario e sociale, forze dell’ordine, associazioni di volontariato, organizzazioni economiche. Una rete operativa di intervento che funzioni in permanenza.

Scuola di Mirandola, dopo il cestino lanciato in testa alla prof, ecco la discussione tra studente e docente



b) Gli istituti professionali, alcuni, sono prossimi al tracollo. Ma qui la risposta deve essere nazionale: il ministero ha emanato un decreto di revisione dei professionali. Bisogna che si prenda consapevolezza che le scuole professionali svolgono un compito di formazione, ma anche di socializzazione, d’integrazione. Hanno bisogno di docenti competenti e soprattutto stabili nel tempo. Oggi i professionali hanno pochissimi insegnanti stabili, in prevalenza cambiano ogni anno e spesso sono insegnanti alla prima esperienza che entrano in classe con il panico: vi pare possibile? Gli istituti professionali hanno bisogno di un regime specifico nei criteri per la formazione delle classi, con docenti preparati e incentivati, anche economicamente.

c) Va affermata la responsabilità educativa della famiglia. Quanti genitori abbandonano i figli alla scuola! e se si presentano a qualche convocazione lo fanno per tutelare e difendere i figli, e la loro cattiva coscienza. Poi dico subito che non è sempre così, vi sono anche ottimi genitori che chiedono aiuto, se serve, e stimano la scuola.

Attenzione alle soluzioni facili: dire che lo studente del video deve essere espulso dalla scuola è giusto, ma anche sbagliato. Fuori dalla scuola che pensate faccia, in assenza di altre azioni? forse farà danni su cose pubbliche e private, e naturalmente qualcuno subito farà la domanda fatidica: e la scuola che fa? Perché non era a scuola?

Dobbiamo spesso scegliere il danno minore, e qui bisogna riflettere sui ragazzi deboli (molti sono immigrati). Studenti che si affidano alla scuola con la speranza di conquistare un futuro, che chiedono di essere aiutati e finiscono per essere soppraffatti dai contesti scolastici, dagli insegnanti di professionalità inadeguata: loro sono le vittime silenti del diritto all’istruzione negato, e sono il volto del fallimento contro cui dobbiamo lottare. Concludo con una citazione di Cormac McCarthy dal suo romanzo di frontiera -Non è un paese per vecchi- “…. la giornalista mi ha chiesto, Sceriffo come mai ha permesso che in questa contea il crimine le sfuggisse di mano fino a questo punto? A me sembrava una domanda giusta, forse lo era. Comunque ho risposto dicendo: i guai iniziano quando si comincia a passare sopra alla maleducazione. Quando non si sente più dire Grazie e Per favore, vuol dire che la fine è vicina.”

Ecco per cominciare non facciamoci sopraffare dalla maleducazione, siamo cittadini di un territorio da salvaguardare, ricostruiamo una società educante. E qui possiamo fare qualcosa tutti.


*(dirigente scolastico)