A Modena occupazione con “sorpresa”: l’ex cinema Olympia è pignorato

Secondo giorno di occupazione dell’ex Cinema Olympia in via Malmusi a Modena con un colpo di scena: un ufficiale giudiziario ha spiegato agli occupanti del Guernica che lo stabile è pignorato e sotto la custodia del Tribunale in attesa di essere venduto. Tanti curiosi nel cinema per vedere e fotografare i mosaicI di Giberti

MODENA. Secondo giorno di occupazione dell’ex Cinema Olympia con un colpo di scena: ieri pomeriggio in via Malmusi si è presentato un ufficiale giudiziario spiegando agli occupanti del Guernica che si tratta di un immobile pignorato dal Tribunale di Modena e che presto sarà messo in vendita all’asta.

La notizia è arrivata del tutto inattesa: nessuno ne era a conoscenza. Dunque l’immobile del cinema costruito dagli architetti “razionalisti” Mario Pucci e Vinicio Vecchi negli anni Cinquanta non è più di proprietà della società Master Hall. Non si sa per quale percorso giudiziario, l’edificio è in mano al Tribunale Civile di Modena.

Nonostante questa sorpresa, l’occupazione è proseguita. Con una novità. Per tutta la giornata di ieri si sono susseguite le visite di molti modenesi che sono entrati, anche con i figli, a vedere uno dei cinema più amati della città, chiuso dal 2002.


Una sala in piena decadenza e del tutto inaccessibile fino alla riapertura di venerdì pomeriggio ad opera degli autonomi. Tanti hanno voluto vedere i mosaici di Luciano Giberti che la Soprintendenza ritiene di notevole pregio.

Nel frattempo gli autonomi hanno ripulito completamente l’ingresso iniziando poi a ripulire anche la sala cinematografica che si trova in condizioni di totale sporcizia. Al centro, in basso, sono accatastate sedie e materiale dell’amministrazione. L’occupazione, dunque continua. Come per lo stabilimento di via dell’Industria, a Modena Est, la motivazione è sempre collegata alla denuncia del degrado in cui versano numerosi stabili a Modena che, secondo il Guernica, potrebbero essere utilizzati.

Su questo tema, gli autonomi hanno indetto un incontro pubblico martedì sera. Resta da capire se l’occupazione continuerà o interverrà la polizia, su sollecitazione del tribunale. All’ingresso nulla indicava il possesso del tribunale.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi