Francesca Barbieri, la travel blogger modenese che gira il mondo e narra emozioni

Nel mondo del world wide web è conosciuto come “I viaggi di Fraintesa”, il blog dove scrive e racconta la sua grande passione, i viaggi. Ma dietro la tastiera c’è Francesca Barbieri, giovane travel blogger modenese che con i suoi racconti ispira e fa sognare ogni giorno tanti lettori. «Sempre pronta a partire per nuove mete» L’amore per l’Australia, i viaggi in solitaria

MODENA. Nel mondo del world wide web è conosciuto come “I viaggi di Fraintesa”, il blog dove scrive e racconta la sua grande passione, i viaggi. Ma dietro la tastiera c’è Francesca Barbieri, giovane travel blogger modenese che con i suoi racconti ispira e fa sognare ogni giorno tanti lettori. «Sono nata in un paesino vicino a Modena, in campagna. I campi di grano che vedevo dalla mia finestra da piccola erano splendidi, sì, ma presto ho avuto il bisogno di vedere cosa c’era al di là delle spighe». Così racconta Francesca sul suo blog e così vive ogni giorno, tra viaggi, scoperte ed esperienze.



Sono passati otto anni da quando ha deciso di aprire “I viaggi di Fraintesa”, cosa è cambiato?

«In questi anni la mia vita è cambiata in modo incredibile e soprattutto in un modo che non mi sarei mai aspettata, perché otto anni fa essere una blogger o influencer non era un lavoro. Sicuramente è stata una svolta inaspettata, ma molto piacevole, che mi ha permesso di fare qualcosa che amo molto e che in realtà è costantemente in fieri, perché è un lavoro che si evolve con l’evolversi del mercato, c’è sempre un cambiamento e la cosa è molto stimolante».

Da dove nasce l’idea delblog?

«Io avevo aperto un primo blog nel 2004, quando mi trovavo a fare il progetto Erasmus in Austria. Ero lì per studio e utilizzando l’Austria come base viaggiavo molto. Da lì è nata l’idea di raccontare i miei viaggi a tutti attraverso un blog, uno strumento dove ognuno potesse leggere i miei resoconti. Anziché chiamare sempre i miei amici e la mia famiglia per raccontare i viaggi che facevo, ho pensato a questo mezzo, più veloce. Ho aperto questo primo blog con la funzione di diario, dove raccontavo giorno per giorno i posti che visitavo e le esperienze che facevo. Poi nel 2009 ho aperto quello definitivo, che oggi è il mio canale ufficiale, “I viaggi di Fraintesa” dandogli anche una veste grafica migliore, un’impronta più definita, gettando le basi per quello che è il mio blog di oggi».

Viaggiare non è sempre divertente, soprattutto quando lo si fa per lavoro: quali sono i lati negativi di essere una travel blogger?

«Sicuramente l’essere da sola dal punto di vista lavorativo. Non ho l’opportunità di portare un fotografo. Spesso mi trovo a fare viaggi anche molto lunghi in solitaria: è molto bello e mi piace, però a volte vorrei condividere con qualcuno le esperienze che faccio. Oppure avrei voglia anche solo di fare due chiacchiere con qualcuno che conosco, avere qualcuno che mi dia una mano. Un altro aspetto negativo è l’avere poco preavviso tra un viaggio e un altro, quindi i miei cari devono accettare il fatto che oggi ci sono, ma domani potrei partire. Infine c’è il jet lag, che non è per niente piacevole soprattutto quando si torna e si deve ripartire subito».

Lei è vegetariana da oltre 20 anni e lo scrive anche sul suo blog: in che modo questa scelta ha influito nei suoi viaggi?

«Ha influito parecchio. Io infatti adoro viaggiare in Asia perché per i vegetariani c’è tantissima scelta, mentre in Centro America ho fatto più fatica. Quando devo scegliere una meta per le vacanze cerco di evitare i posti in cui la cucina tipica è a base dui carne. Amo conoscere la cucina locale e non voglio dover mangiare solo atate fritte».

Quale è stato, se c’è stato, un viaggio che le ha cambiato vita?

«Ce ne sono stati diversi: il primo in Corea del Sud in un monastero buddista. Mi ha insegnato tanto, soprattutto a trovare la calma in ogni momento, anche nei più stressanti e a vedere le cose sempre da una giusta prospettiva. Poi ci sono i tre grandi viaggi che ho fatto in Australia dove ho capito che quello è il posto del mio cuore. C’è uno stile di vita rilassato, c’è molto rispetto per la natura e le persone sono amichevoli e questi per me sono grandi indicatori di qualità della vita. Ho anche un tatuaggio in onore dell’Australia, la scritta “No worries” che è un tipico modo di dire australiano che vuol dire tutto ok, nessun problema».

Lei ha inseguito e realizzato il suo sogno lavorativo: come ci si riesce?

«Otto anni fa, quando ho iniziato il mio percorso, c’era chi mi dava della matta perché stavo a lavorare ore e ore sul pc piuttosto che uscire con gli amici. Poi ho imparato che se una persona ha un sogno e una passione ci deve investire tanto tempo, e soprattutto ci deve credere senza ascoltare quello che pensano gli altri. Oggi in Italia la situazione non è facile, ma non è così in tutto il mondo. Io consiglierei di studiare le lingue e provare anche solo un’esperienza formativa all’estero, rimboccarsi le maniche e non avere paura».


LA SCHEDA «Grazie ai lettori curiosi» «Sono uno stimolo costante per scoprire nuovi posti»  

Francesca Barbieri si è diplomata nel 2001 al Liceo Scientifico Tassoni con indirizzo linguistico, dopodiché ha frequentato Lingue, corso di laurea triennale presso Unimore che gli ha permesso anche di trascorrere un anno all’estero, in Austria, per il progetto Erasmus. Francesca ha continuato dopo la laurea triennale con la Specialistica, sempre a Modena, interessandosi di progettazione di eventi. Nel 2009 ha aperto “I viaggi di Fraintesa” e ha iniziato la carriera lavorativa come travel blogger, lavoro che svolge tuttora. Segue corsi di aggiornamento e tiene lei stessa corsi su come intraprendere questo percorso lavorativo e si aggiorna spesso sulle novità del web. Inoltre frequenta varie fiere del turismo e segue molti blogger stranieri per rimanere sempre al passo col tempo. Oggi vive a Milano e gira il mondo alla scoperta di nuove avventure da poter raccontare ai tanti lettori che la seguono e di cui ha grande stima: «La curiosità dei lettori è uno stimolo costante per raccontare i miei viaggi come il loro feedback che mi stimola ad andare avanti. Anche se torno in un posto che ho già visitato, ho modo di raccontare nuove scoperte e ricevo in tempo reale commenti di persone che mi chiedono ulteriori informazioni, più foto. Questa è la cosa che mi fa capire quanto quanto è apprezzato e quanto mi piace il mio lavoro». Francesca la potete seguire sul suo blog www.fraintesa.it e sui suoi social, tra cui il profilo Instagram www.instagram.com/fraintesa.