«Presidente di una coop a mia insaputa»

«Per poter lavorare e restare in Italia ho dovuto firmare delle carte: così senza saperlo sono diventato un prestanome»