Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bibliociak, quando i libri si trasformano in trailer e i ragazzi diventano attori

Prendete un libro in biblioteca e guardatelo prima ancora di leggerlo. Poi iniziate a sfogliarlo, fatevi travolgere e accompagnare nel viaggio dai protagonisti e pensate che quei protagonisti...

MODENA. Prendete un libro in biblioteca e guardatelo prima ancora di leggerlo. Poi iniziate a sfogliarlo, fatevi travolgere e accompagnare nel viaggio dai protagonisti e pensate che quei protagonisti potreste essere proprio voi. Ma non è finita, perché dalla biblioteca si deve uscire, la fantasia si fa realtà, i soggetti diventano attori e in sottofondo si ode una musica particolare, inedita, speciale. Tutto questo è Bibliociak, progetto dove le arti si mischiano e che prevede la sinergia tr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Prendete un libro in biblioteca e guardatelo prima ancora di leggerlo. Poi iniziate a sfogliarlo, fatevi travolgere e accompagnare nel viaggio dai protagonisti e pensate che quei protagonisti potreste essere proprio voi. Ma non è finita, perché dalla biblioteca si deve uscire, la fantasia si fa realtà, i soggetti diventano attori e in sottofondo si ode una musica particolare, inedita, speciale. Tutto questo è Bibliociak, progetto dove le arti si mischiano e che prevede la sinergia tra istituti culturali del territorio: le biblioteche dell’Area Nord, la scuola di musica “Andreoli” e gli istituti scolastici.

«Bibliociack - spiega Antonietta Furini della biblioteca Pederiali di Finale - è stato pensato , con i numerosi titoli proposti, per la fascia d’età tra i 9 e i 14 anni. I gruppi di ragazzi vengono accolti nelle biblioteche della Bassa per incontri pomeridiani nei quali l’intera esperienza viene portata a termine. Si parte con la lettura attiva e con la scelta del titolo, si prosegue con la rielaborazione in una sceneggiatura e le conseguenti riprese e si completa con la messa a punto di una colonna sonora originale e rappresentativa. L’intento è quello di far sì che i ragazzi, attraverso la loro personale reinterpretazione delle storie lette, diventino veicoli per stimolare la lettura di altri coetanei».



Le professionalità in campo sono molte: Alfonso Cuccurullo (attore teatrale ed esperto di lettura per bambini e ragazzi), Paolo Polacchini (videomaker ed educatore) e Giorgio Borgatti (musicista, insegnante di chitarra moderna e coordinatore del settore musica d’insieme della scuola Andreoli di Mirandola.



«Bibliociak è un perfetto esempio del dinamismo della scuola - spiega Borgatti - Abbiamo la possibilità di creare un gruppo di lavoro “aperto” e mettere in contatto allievi dei corsi di strumento con partecipanti a Bibliociak che a volte suonano o vorrebbero suonare, ma non sono iscritti alla scuola. Una delle criticità del progetto diventa una delle sfide più interessanti: come coinvolgere un ragazzo che non ha mai avuto contatti con uno strumento musicale?».



«Il progetto - conclude Paolo Polacchini - prevede la produzione di un book trailer per ogni libro letto dai ragazzi. Il book trailer non è altro che una specie di “estratto” della storia raccontata nel libro, non molto differente dalla logica di un trailer cinematografico che ha la funzione di presentare e stimolare l’interesse per l’opera. La grande opportunità che si presenta, potendo lavorare alla trasformazione di un’opera letteraria in opera video, è di avvicinare e guidare i ragazzi all’uso di un linguaggio che sarà in futuro sempre più parte integrante del loro mondo comunicativo. Viene richiesto non un semplice “scimmiottamento” del narrato quanto piuttosto una reinterpretazione con lo scopo di comunicare ai loro coetanei la bontà (o meno) dell’esperienza di lettura. E la sinergia con Alfonso Cuccurullo permette anche di “iniziare” i giovani al divertente mondo della recitazione».

Francesco Dondi