Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Discoteca abusiva al ristorante Puro Life di Modena, multa e denuncia

Controllo della polizia che scopre 300 persone a ballare, con tanto di dj e vocalist. Facevano anche pubblicità sui social. "Se lo ripetono sequestriamo tutto".

MODENA. La  squadra Amministrativa della Questura di Modena ha contestato ieri l’illecito amministrativo di spettacoli o trattenimenti pubblici senza licenza ai titolari del bar ristorante “Puro Life”, di via Tangenziale Nuova Estense 103. Sono anche stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo.

Gli accertamenti sul bar locale erano stati effettuati nella notte tra il 12 e il 13 gennaio. E hanno permesso - spiega una nota della po ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. La  squadra Amministrativa della Questura di Modena ha contestato ieri l’illecito amministrativo di spettacoli o trattenimenti pubblici senza licenza ai titolari del bar ristorante “Puro Life”, di via Tangenziale Nuova Estense 103. Sono anche stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo.

Gli accertamenti sul bar locale erano stati effettuati nella notte tra il 12 e il 13 gennaio. E hanno permesso - spiega una nota della polizia - "di riscontrare elementi utili a definire un’attività abusiva di pubblico spettacolo del tutto incompatibile con l’attività di ristorazione. In particolare, era in corso una serata danzante con circa 300 persone, un D.J. set con intrattenitore e un vocalist".

Le serate danzanti del venerdì sera sono d'altra parte oggetto di pubblicità sulla pagina Facebook ed Instagram del locale.

"In relazione all’eventuale permanenza del reato, sarà richiesto alla Procura della Repubblica il sequestro preventivo di tutti i beni (consolle, impianto luci, ecc.) utilizzati per l’attività di pubblico spettacolo", spiega la questura.

“Si tratta di una attività mirata a far rispettare le regole in materia di pubblico spettacolo – afferma il Questore, Filippo Santarelli – a tutela dell’incolumità delle persone e a garanzia di un divertimento in totale sicurezza”.