Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Castelfrigo fronte della battaglia elettorale sul lavoro

A Castelniuovo Pietro Grasso e Giuliano Poletti hanno affrontato il tema delle Coop spurie nel luogo simbolo del problema

La ricerca di una soluzione che tenga conto sia della competitività delle imprese che della qualità del lavoro.

È stato questo il tema centrale del convegno di ieri sera organizzato dal Pd di Castelnuovo Rangone. Ad introdurre la serata il sindaco Massimo Paradisi, il quale ha puntato l’accento sull’importanza della concretezza e del pragmatismo per risolvere i problemi presenti all’interno del distretto modenese della lavorazione delle carni.

«Ho visto spesso la tendenza ad individuare un co ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

La ricerca di una soluzione che tenga conto sia della competitività delle imprese che della qualità del lavoro.

È stato questo il tema centrale del convegno di ieri sera organizzato dal Pd di Castelnuovo Rangone. Ad introdurre la serata il sindaco Massimo Paradisi, il quale ha puntato l’accento sull’importanza della concretezza e del pragmatismo per risolvere i problemi presenti all’interno del distretto modenese della lavorazione delle carni.

«Ho visto spesso la tendenza ad individuare un colpevole o un capro espiatorio. Questo è consolatorio dal punto di vista della rabbia, ma non aiuta risolvere il problema - ha dichiarato Paradisi - Ai lavoratori in difficoltà non servono delle pacche sulle spalle, ma delle soluzioni che vanno ricercate con urgenza». Il filo conduttore del dibattito è stato il dialogo tra i principali protagonisti del distretto: forze politiche, organizzazioni sindacali, rappresentanze degli imprenditori e delle cooperative. I segretari regionali della Cgil e della Cisl, Luigi Giove e Giorgio Graziani, si sono confrontati sul ruolo dei sindacati.

«Bisogna rispettare le regole ma generare al contempo una sana occupazione» ha spiegato Giove, il quale ha sollevato son da subito la spinosa problematica delle false cooperative che, negli anni, ha dato vita ad un meccanismo che si è sviluppato su tutto il territorio nazionale e non solo nella provincia modenese.

«Il rischio di infiltrazione da parte delle organizzazioni criminali è altissimo». Graziani, segretario regionale della Cisl, ha invece parlato del Patto del lavoro: «Uno dei suoi pilastri è la legalità, e non è un caso. La scommessa è infatti quella di creare un sistema virtuoso che tuteli i lavoratori e che permetta alle aziende di mantenersi competitive rispettando le regole». «È inutile parlare del passato, è ora di guardare al futuro- ha invece sostenuto l’imprenditore Giuseppe Villani, responsabile del settore Alimentare di Confindustria Emilia - Ad oggi il confronto con il costo del lavoro estero mette in difficoltà le nostre aziende le quali mantengono un’alta percentuale di manodopera ma uno scarso utilizzo della tecnologia. Bisogna parlare di decontribuzione per le aziende che hanno uno scarso valore aggiunto».

Presente anche Giovanni Monti, presidente regionale di Legacoop, il quale ha parlato di “impropria capacità competitiva attraverso il taglio dei salari”. Monti ha però spiegato quanto sia difficile monitorare e controllare le cooperative, soprattutto quando queste non rientrano all’interno del circuito delle Centrali Cooperative: «Chiediamo un impegno da parte del Parlamento che si insedierà affinché porti a compimento l’iter per l’approvazione della legge contro le false cooperative».

Il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha invece parlato della vertenza Castelfrigo: «Il mio dovere non era andare ai cancelli, ma risolvere il problema. La politica non deve fare passerelle ma trovare soluzioni per ridare dignità a questi lavoratori. La Regione sta, al contempo, investendo sulla qualità dei prodotti affinché le nostre aziende possano farsi valere all’interno del mercato mondiale».

Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, ha a sua volta ribadito questi concetti, sottolineando al contempo l’impegno del mondo politico per risolvere i problemi presenti all’interno del distretto.

«Non abbiamo a che fare con un’emergenza, ma si tratta di fenomeni presenti da anni e che adesso sono giunti al collasso. Dobbiamo immaginare un percorso che ci porti fuori da questo vortice, tutta una serie di azioni politiche e legislative che vadano nella medesima direzione, ovvero il rispetto della legalità e delle normative esistenti». Del medesimo parere anche Claudio De Vincenti, ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno e attualmente candidato alla Camera nel collegio uninominale di Sassuolo. Nel pomeriggio, invece, il leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso ha incontrato i lavoratori coinvolti nella vertenza Castelfrigo.

«Sono venuto qui per darvi tutta la mia solidarietà ma anche per garantirvi il nostro impegno affinchè, tornati in Parlamento, si possano ripristinare tutte le condizioni normative utili a combattere fenomeni come quelli della corruzione e delle false cooperative. Noi di Liberi e Uguali abbiamo una visione di paese in cui il lavoro viene tutelato, la dignità del lavoratore viene difesa e il posto di lavoro viene garantito. Lotteremo per questo».