Modena, Autostrada A1 colabrodo, un centinaio restano a piedi

Auto e camion danneggiati e con le gomme esplose. C’è chi ha passato la notte in bianco.Gli agenti della Polizia Stradale si improvvisano meccanici e aiutano a sostituire le gomme I racconti

Modena, buche in autostrada: decine di tir e auto forano le ruote

MODENA. Un inferno. Una situazione limite di disagio e di estremo pericolo in cui si sono trovati loro malgrado un centinaio di automobilisti e camionisti, alcuni dei quali, rimasti appiedati, sono dovuti restare tutta la notte in Autostrada del Sole, vicino al guard rail, in attesa che all’orizzonte comparisse un fatidico e risolutore carro attrezzi di soccorso.

Modena, buche in autostrada: decine di tir e auto forano le ruote

Buche, crateri pieni d’acqua che nascondeva la loro profondità, tratti di manto che in pratica è come se avesse ceduto aprendosi e creando spazi in cui chi transitava, a velocità propria da autostrada nonostante comunque ci fosse maltempo, vi è finito dentro, sprofondando, spaccando, sbandando. Ed è soltanto per fortuna che nessuno dei tanti appiedati, un centinaio secondo la Polstrada, si sia fatto male o, durante la sosta forzata lungo la corsia d’emergenza, non sia stato centrato da un altro mezzo le cui gomme erano scoppiate proprio nella stessa voragine.


Il tratto dell’A1 tra Modena e l’uscita di Valsamoggia si è trasformato in un percorso di guerra, clamorosamente in entrambi i sensi, sia dai nostri caselli verso Bologna che in senso contrario e man mano che la pioggia si faceva più insistente più le auto e i camion alzavano bandiera bianca, con più di un pneumatico tranciato, scoppiato, alcuni mezzi anche con i cerchi distrutti e vari pesanti danni collaterali, vedi semiasse e sospensioni. E la polizia stradale ha fatto come ha potuto, anzi, forse di più, rimboccandosi le maniche e, dove c’erano auto provviste di ruotino o di gomma di scorta, gli agenti hanno fatto loro il pit-stop, montando le gomme agli sfortunati, mentre nel frattempo chiudevano al traffico la corsia interessata. Tutto questo mentre i mezzi della Società autostrade per tutta l’altra notte e ieri mattina hanno fatto una ronda infinita passando di buca in buca, cercando di arginare l'emergenza con i sacchetti di asfalto a presa rapida. Rimedi temporanei, a volte vanificati dall’incedere della pioggia battente.



Anche modenesi in questo inferno. «Mio fratello alla guida di una 500 veniva da Bologna e stava per uscire a Modena Nord. Erano circa le 18.30, pioveva forte e lui procedeva sulla corsia di destra, pronto poi ad immettersi. Ha sentito un boato fortissimo, fortunatamente non ha sbandato più di tanto, e ha accostato: aveva centrato un cratere e i due pneumatici del lato sinistro, anteriore e posteriore, erano esplosi, tagliati dalla buca. I cerchi si sono piegati. Ha accostato e con lui c’erano almeno altre dieci auto nelle stesse condizioni. Chi chiamava la polizia, chi il carroattrezzi. C’era una famiglia bloccata, con un bambino piccolo. Di lì a poco è passato un camion che ha fracassato alcuni pneumatici nella “nostra” buca. Solo per un caso nessuno è stato investito perché una sbandata, una uscita di strada sarebbe stata fatale per tutti. Sono andato in aiuto di mio fratello – racconta il giovane modenese - e abbiamo chiamato il carroattrezzi della nostra assicurazione e siamo riusciti a convincere il nostro gommista a tenere aperto, a darci una mano.

Dal nostro gommista è andata anche la famiglia col bambino piccolo, erano di Bologna. Hanno già presentato denuncia dell’accaduto. Anche noi ci siamo recati a denunciare, in pratica hanno preso atto dell’accaduto ma vogliamo andare sino in fondo. Non ho foto della buca ma ho la ricevuta dei pagamenti e siamo in contatto anche con gli altri fermi con noi, Chiederemo un risarcimento dei danni. ». La Polstrada Modena Nord conferma la situazione drammatica iniziata verso le 18.30 di giovedì e proseguita sino tarda mattina di ieri, in entrambi i sensi di marcia. «Non c’era un carroattrezzi libero perché tutti impegnati in città e in montagna per gli altri interventi - riferiscono in Polstrada - tanti non avevano il ruotino oppure più di una gomma rotta e allora li hanno attesi, alcuni anche tutta la notte. Noi abbiamo cambiato le gomme a tanti. Man mano che la pioggia batteva le buche si allargavano e gli automobilisti si bloccavano. Li abbiamo aiutati, abbiamo chiuso dei tratti. Quelli della Società autostrade hanno svuotato i loro magazzini di asfato a freddo».