Modena, tangenziale horror tra crepe e voragini

Peggiora la situazione anche su Estense e complanare. Operai al lavoro in mezzo alle auto. Il Comune fa il punto

MODENA. Se possibile la situazione delle tangenziali modenesi è peggiorata ulteriormente dopo un venerdì di pioggia continua. Se giovedì i problemi erano sorti in particolare nella zona del casello autostradale di Modena Nord, ieri i crateri nell’asfalto si sono presentati in tutto l’anello delle tangenziali, sulla complanare

, sull’Estense e sulla bretella Modena-Sassuolo. Una situazione a dir poco imbarazzante. Non c’è strada a percorrenza veloce in cui non si rischi di perdere il controllo della vettura o di procurare danni a pneumatici e ammortizzatori. Senza contare la situazione di pericolo che si è venuta a creare anche per i tecnici comunali, costretti a rattoppi improbabili nel bel mezzo della strada, preceduti solo da un’auto della polizia municipale a rallentare il traffico.

Modena, buche in autostrada: decine di tir e auto forano le ruote



E proprio il Comune ieri ha fatto il quadro della situazione: «Sono oltre 17 mila i chili di asfalto a freddo stesi in meno di una settimana per le strade della città con l’obiettivo di tamponare le buche che si sono aperte a causa del maltempo - spiegano da Piazza Grande Per interventi più articolati è in fase di aggiudicazione un appalto da 400 mila euro per la riqualificazione delle strade e del centro storico che vedrà l’inizio dei lavori nel mese di aprile e, da Bilancio, sono previsti ulteriori 2 milioni e mezzo di risorse, in deciso aumento rispetto al passato.

Gli interventi di questi giorni del settore Lavori Pubblici del Comune di Modena hanno riguardato numerose strade di diverse tipologie, dai tratti di tangenziale di competenza comunale alle strade primarie e secondarie, con priorità a quelle con un maggior transito di mezzi.

A titolo di esempio, squadre di tecnici sono intervenute per la chiusura di buche sulla tangenziale Mistral prima dell’uscita 17, sulla tangenziale Pasternak, sulle rotatorie G.B. Marino e del Grappolo, in via Giardini, via Panni, via Gherbella, sui Viali attorno al centro storico, e in numerose altre vie su cui sono arrivate segnalazioni da parte dei cittadini. Ieri mattina è inoltre stato chiuso l’incrocio tra le vie Zucconi e Schiocchi in attesa di un intervento di manutenzione straordinaria. Con l’aggiudicazione in corso, a partire da aprile sarà possibile effettuare lavori di riqualificazione, mentre con l’approvazione del Bilancio di giovedì potrà partire l’iter per il finanziamento durante l’anno di ulteriori interventi di manutenzione stradale per una cifra complessiva, tra spesa corrente e investimenti, pari a 2 milioni e mezzo».

Molti soldi per altrattanti cantieri: speriamo di qualità superiore. (gib)