Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena. Studenti contro la violenza In centinaia sfilano per la pace

Bellissimo colpo d’occhio ieri mattina lungo le vie del centro storico quando centinaia di giovani si sono dati appuntamento per manifestare a favore della pace. “Never again”, questo lo slogan - lo...

Studenti in marcia per la pace nel centro di Modena

MODENA. Bellissimo colpo d’occhio ieri mattina lungo le vie del centro storico quando centinaia di giovani si sono dati appuntamento per manifestare a favore della pace. “Never again”, questo lo slogan - lo stesso delle associazioni di studenti americani che manifestano per la non violenza - scelto dai ragazzi del liceo Muratori San Carlo che sono stati ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Studenti in marcia per la pace nel centro di Modena

MODENA. Bellissimo colpo d’occhio ieri mattina lungo le vie del centro storico quando centinaia di giovani si sono dati appuntamento per manifestare a favore della pace. “Never again”, questo lo slogan - lo stesso delle associazioni di studenti americani che manifestano per la non violenza - scelto dai ragazzi del liceo Muratori San Carlo che sono stati l’anima del corteo, progettandolo, divulgandolo e organizzandolo dal primo all’ultimo minuto. Alle 12 sono partiti dal parco Novi Sad, luogo di ritrovo, e poi sono sfilati lungo via Emilia Centro fino a raggiungere piazza Grande. L’occasione era quella di sensibilizzare la città alla pace ricordando lediciassette vittime della scuola di Parkland, in Florida, strage avvenuta lo scorso febbraio.

Modena, gli studenti in marcia per la pace


Chiara Marchesi, una delle organizzatrici, è soddisfatta: «Abbiamo cercato di lanciare un messaggio contro la violenza, contro le armi, per far capire alle persone che i conflitti si superano con il dialogo e la cultura».

Francesco Martinelli della consulta provinciale degli studenti aggiunge: «In un momento come questo, dove anche la violenza verbale è sempre più diffusa, c’è bisogno di ribadire il valore della pace e della non violenza».