Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena I bimbi delle elementari cantano l’opera lirica

A interpretare “Il barbiere di Siviglia” al Comunale saranno 450 alunni della Bassa e dell'Appennino Gli insegnanti: «Il progetto è stato vissuto con entusiasmo dalle classi»

MODENA. I bambini e l’opera lirica: un connubio che potrebbe sembrare lonano dalla realtà. Invece, il progetto portato avanti dall’associazione Appennino InCanto e da 450 alunni delle scuole elementari di Bomporto e dell’Appennino, dove sono stati coinvolti gli istituti di Fanano, Acquaria e Sestola, sfata questo mito. Passeggiando nei corridoi delle scuole, ma anche a casa e in auto, i bambini intonano ormai da più di tre mesi i brani de “Il barbiere di Siviglia”, in vista della doppia esib ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. I bambini e l’opera lirica: un connubio che potrebbe sembrare lonano dalla realtà. Invece, il progetto portato avanti dall’associazione Appennino InCanto e da 450 alunni delle scuole elementari di Bomporto e dell’Appennino, dove sono stati coinvolti gli istituti di Fanano, Acquaria e Sestola, sfata questo mito. Passeggiando nei corridoi delle scuole, ma anche a casa e in auto, i bambini intonano ormai da più di tre mesi i brani de “Il barbiere di Siviglia”, in vista della doppia esibizione di oggi, alle 17 e alle 21, al teatro comunale Pavarotti di Modena.

«Abbiamo avuto i primi contatti attraverso una nostra ex collega che lavorava a Fanano lo scorso anno e aveva già vissuto quest’esperienza - racconta la prof Manuela Bizzarri - In seguito abbiamo coinvolto tutti gli alunni della primaria di Bomporto, 230, in questo spettacolo, insieme a quelli dell’Appennino che portano il numero a 450. Il barbiere di Siviglia ci è stato proposto da Appennino InCanto, naturalmente riadattato per i ragazzi. Lo spettacolo prevede momenti recitati e cantati: gli studenti che faranno il coro. Saranno presenti cantanti lirici e l’orchestra “I musici di Parma”, con il maestro del coro, ovvero l’insegnante che ci ha seguiti in classe: Sabina Mezzacqui, una vera professionista». Gli alunni canteranno dieci brani dell’opera. «Sin dall’inizio l’idea è piaciuta tantissimo tanto che i bimbi provavano anche a casa i brani. Per loro è stata davvero una scoperta caratterizzata da un entusiasmo travolgente. Noi eravamo un po’ scettici all’inizio perché la lirica non prevede un approccio facile. Invece ha dato risultati di coinvolgimento stupendo. Abbiamo fatto le prove il mercoledì mattina divisi in tre grandi gruppi. Sabina è riuscita a insegnare nel modo più divertente le tecniche di canto. Poi, abbiamo fatto le prove tutti insieme al teatro di Bomporto». Il video dello spettacolo di oggi sarà disponibile su Youtube.



Insieme ai bambini protagonisti dell’opera sono giovani ma già affermati cantanti lirici, selezionati con un bando dell'Istituto Superiore di Studi Musicali “Vecchi- Tonelli”, che si sono specializzati sotto la guida di Sonia Ganassi e Angelo Gabrielli. Ad affiancarli i maestri collaboratori Mirca Rosciani, Dario Tondelli e Francesco Massimi. La regia è affidata a Pierluigi Cassano. Il cast vede nel personaggio di Rosina Claudia Muschio, mentre nel Conte d’Almaviva Francesco Tuppo e Giorgio D’Andreis; Figaro saranno Daniele Caputo e Unsal Sahap Cuneyt; Don Bartolo Luca Simonetti e Matteo Andrea Mollica; Don Basilio Gaetano Triscari e Carlo Malinverno; Berta Francesca Cucuzza e Stefania Vietri; Fiorello Giovanni Augelli e Daniele Caputo; Ufficiale Matteo Andrea Mollica e Luca Simonetti con la presenza di Francesco Farioli nel ruolo di Ambrogio.