Novi, si toglie la vita dopo la morte del fidanzato

Lei aveva 21 anni e a febbraio di notte ci fu lo schianto in auto del compagno che l’aveva appena portata a casa 

NOVI. Un paio di mesi fa il suo fidanzato ha perso la vita in seguito a un incidente stradale. E ieri è stata lei ad andarsene. Ha deciso di togliersi la vita dopo quello schianto che le ha strappato per sempre l’amore della sua vita. L’amore con il quale sentiva di avere trovato serenità per sè e per i suoi cari.

Una giovane di 21 anni ha scelto di andarsene ieri, nella sua abitazione. A trovarla è stata la madre che ha tentato in tutti i modi possibili di rianimarla.


Sul posto sono intervenuti i carabinieri, un’ambulanza e un’automedica. Oltre a numerosi vicini accorsi davanti a casa, increduli di fronte alla tragedia che si era appena consumata a pochi metri dalla loro abitazione e straziati dal dolore e dal senso d’impotenza una volta appreso l’accaduto.

Il fidanzato della giovane è morto in seguito a un incidente stradale avvenuto in una tarda serata di febbraio. Il ragazzo aveva appena riaccompagnato a casa la 21enne, con la quale aveva condiviso la cena. Poi l’aveva salutata per dirigersi verso la sua abitazione.

La fidanzata aspettava, come di consueto, il messaggio che la tranquillizzasse sul rientro del compagno a casa. Un’abitudine affettuosa che condividevano per scambiarsi la buonanotte. Un pretesto per sentirsi nuovamente, tanto era forte il loro amore, sbocciato fra due giovani che, nonostante fossero poco più che ventenni erano già molto consapevoli che quel sentimento che li univa non era soltanto qualcosa di passeggero.

Quella sera il messaggio non è mai arrivato. La ragazza ha iniziato a telefonare per capire cosa fosse successo e intanto lo spettro della tragedia si è fatto largo tra i suoi pensieri.

Purtroppo, il sospetto si è trasformato in una terribile realtà nel giro di pochi minuti. Quel giovane alla guida dell’auto devastata sul ciglio della strada era il ragazzo che lei amava. Quello con cui aveva appena trascorso la serata e con il quale aveva condiviso tanti momenti indimenticabili. Con il quale avrebbe voluto condividere ancora gioie e affetti, confidenze e momenti di allegria. Fino a quando quell’orribile incidente non le ha portato via tutto.

Come si legge nei post scritti dalla ragazza sul suo profilo Facebook, e com’è comprensibile che sia, il dolore per la perdita del fidanzato non l’aveva certo abbandonata nel tempo.

E ieri, improvvisamente, la giovane ha deciso di andarsene. Senza lasciare biglietti o altre spiegazioni.

INUTILI I TENTATIVI DISPERATI DI RIANIMARLA

È stata la mamma della ragazza a trovarsi davanti ad una scena terribile, choccante. La donna ha soccorso la figlia, l’ha stesa a terra, ha dato l’allarme nella concitazione e nella disperazione e ha provato lei stessa a rianimarla, nello straziante dolore di quello che stava assurdamente accadendo. 

Sul posto, con le due pattuglie del carabinieri che hanno dovuto gestire nei limiti del possibile una situazione così drammatica, è intervenuta un’ambulanza del 118 proveniente da Carpi, cui si è affiancata un’automedica da Mirandola. I sanitari hanno disperatamente, ostinatamente cercato di rianimare la ragazza.
Scene terribili davanti alle quali nessun essere umano può restare insensibile. Dai primi accertamenti la ragazza non ha lasciato tracce o biglietti che spiegassero l’accaduto. Ma, al di là delle dichiarazioni che per confortarsi lasciava sui social, era chiaro a tutti che dal terribile giorno la sua vita era cambiata. Uno choc e un contesto oggetto degli accertamenti, per quanto delicati, dei carabinieri che sono intervenuti. 


Serena Arbizzi