Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Marano: benvenuti a teatro, quello dei nostri ragazzi

La Costituzione, i suoi valori e i suoi padri al centro della rassegna Un cinquantina di spettacoli nelle Terre dei Castelli con 800 studenti

MARANO. Benvenuta a teatro, Costituzione! Si celebra proprio lei, a 70 anni dalla sua nascita, e diventa filo conduttore importante anche sul palcoscenico di Marano sul Panaro, per la trentaquattresima edizione del Festival del teatro dei ragazzi inaugurato ieri con lo spettacolo di e con Lino Guanciale ““Fondati sul lavoro”. Giovanni Galli, vicesindaco di Marano, ha dichiarato: «Abbiamo dedicato il festival ai 70 anni della nostra Costituzione anche per ricordare che i teatri italiani hanno ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MARANO. Benvenuta a teatro, Costituzione! Si celebra proprio lei, a 70 anni dalla sua nascita, e diventa filo conduttore importante anche sul palcoscenico di Marano sul Panaro, per la trentaquattresima edizione del Festival del teatro dei ragazzi inaugurato ieri con lo spettacolo di e con Lino Guanciale ““Fondati sul lavoro”. Giovanni Galli, vicesindaco di Marano, ha dichiarato: «Abbiamo dedicato il festival ai 70 anni della nostra Costituzione anche per ricordare che i teatri italiani hanno avuto un ruolo fondamentale nella costruzione della nostra identità nazionale, da Verdi a Rossini fino a Dario Fo». Ha sottolineato il grande valore di queste esperienze sul palcoscenico anche Umberto Costantini, assessore alla Cultura dell’Unione Terre di Castelli. Ha infatti sottolineato che «per i ragazzi il teatro rappresenta un’esperienza importante dal punto di vista formativo ed educativo per creare i cittadini di domani. Tenendo anche conto degli insegnanti e degli accompagnatori, il Festival ha un impatto positivo anche dal punto di vista della promozione turistica e del territorio»



Dal 20 aprile al 12 maggio sono ben 49 i titoli messi in cartellone – e in scena – da oltre 800 studenti attori che provengono da Bologna Ferrara, Lucca, Padova, Milano, Verona e Vicenza nel teatro Centro Culturale di Marano sul Panaro, ma anche al Teatro Ermanno Fabbri di Vignola e al Teatro La Venere di Savignano sul Panaro. Doppio, come da tradizione, l'appuntamento: a scuola in mattinata e aperto a tutti, con ingresso gratuito, la sera.

Per le scuole in via del tutto eccezionale a Savignano, martedì 24, al Teatro La Venere, alle 10,30, “Tre per quattro è meglio di uno” è proposto dalle classi quarte della scuola primaria “A. Crespellani” ed è a cura di A. Santonastaso. Giovedì invece il teatro di Marano ospita la scuola primaria “R. Montecuccoli”con “Emozioni sul filo” mentre venerdì 27 alle 10 arriva sul palco la scuola dell’infanzia “C. Collodi” di Marano che si esibisce con “Sei folletti nel mio cuore”.

Per tutti (e l'ingresso è gratuito) il primo spettacolo serale da non perdere – è alle 20,30: va in scena “Controcorrente”, a cura di A. Amerio e C. Carbone, che vede coinvolti i giovani attori della Scuola secondaria di primo grado “A. Frank”. Ci si rivede poi martedì 24 alle 20,30 a Marano con “Uomare’ uomara’ storia di quando si spaccò a metà” (A cura di A. Tomassini), ispirato al racconto di I. Calvino “Il visconte dimezzato”. Ed è coinvolta Guiglia, con la Scuola Primaria “R. Montecuccoli”, alle 21,30, per “Emozioni sul filo”, lo spettacolo a cura di Giorgio Incerti che racconta, tra video, dialoghi, filastrocche e canzoni, emozioni e pensieri di quei bambini che, sessanta anni fa per andare a scuola dovevano attraversare il fiume Panaro con una rudimentale funivia. Si torna infine a teatro poi venerdì, alle 20,30 con la proposta della Scuola dell’Infanzia “C. Collodi” VB - di Marano “Sei folletti del mio cuore”, a cura di C. De Benedittis.

Il Festival è promosso dal Comune di Marano sul Panaro, dall’Unione di Comuni Terre di Castelli e dalla Fondazione di Vignola con il contributo della Regione Emilia Romagna, il supporto degli sponsor Conad Vibieffe, Gruppo Hera e Cir e con il patrocinio dell’Ufficio scolastico regionale.

Maggiori informazioni: maranofestival.it

Monica Tappa