Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scontro in Provincia sulle società partecipate

La Corte dei Conti che tira le orecchie alla Provincia fa gola all’opposizione, tanto che Antonio Platis e Marco Caiumi, consiglieri provinciali Uniamoci, non la mandano a dire a Muzzarelli,...

La Corte dei Conti che tira le orecchie alla Provincia fa gola all’opposizione, tanto che Antonio Platis e Marco Caiumi, consiglieri provinciali Uniamoci, non la mandano a dire a Muzzarelli, chiedendo di riferire urgentemente in consiglio: Aziende in perdita da svariati esercizi ma non ancora liquidate e procedure per dismettere le società lunghissime. Sono queste alcune delle osservazioni della Corte dei Conti. Stiamo parlando di tre società: Aeroporto di Pavullo nel Frignano srl, partecipa ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

La Corte dei Conti che tira le orecchie alla Provincia fa gola all’opposizione, tanto che Antonio Platis e Marco Caiumi, consiglieri provinciali Uniamoci, non la mandano a dire a Muzzarelli, chiedendo di riferire urgentemente in consiglio: Aziende in perdita da svariati esercizi ma non ancora liquidate e procedure per dismettere le società lunghissime. Sono queste alcune delle osservazioni della Corte dei Conti. Stiamo parlando di tre società: Aeroporto di Pavullo nel Frignano srl, partecipata al 13,51%; Centro innovazione tessile dell’Emilia-Romagna (Citer) scarl, partecipata al 20,00% (società in perdita nel triennio 2012-2014); Centro ricerche produzione animali (C.R.P.A.) spa, partecipata all’1,60%. A ciò si aggiungono la Società per la promozione dell’economia modenese (ProMo) scarl, partecipata allo 0,50%, e laTPER spa. Dopo un anno di inerzia, la Provincia si era limitata a trasmettere il medesimo piano alle citate società. Chiediamo al presidente di riferire in consiglio visto che, in più di una occasione, abbiamo chiesto l'avanzamento del piano. Inoltre ci chiediamo quali siano i costi ulteriormente sostenuti dall'Ente per la tardiva liquidazione delle società».