Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Carpi, il sale di Cervia ispira i cuochi di domani all’esame di fine anno

Settanta allievi raggiungeranno la qualifica entro fine mese. Attivato anche il servizio di tecnico dei servizi di sala e di bar

Carpi, il saggio finale del Nazareno

CARPI. Il sale è il tema scelto dagli allievi del Nazareno per il loro saggio finale, dopo la visita guidata alle Saline di Cervia. “Cum grano Salis - Niente è più utile del sole e del sale” è il titolo dell’evento con cui gli studenti sono andati alla ricerca delle origini del complemento alimentare, del suo significato nelle culture dei popoli.

I genitori e gli ospit ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Carpi, il saggio finale del Nazareno

CARPI. Il sale è il tema scelto dagli allievi del Nazareno per il loro saggio finale, dopo la visita guidata alle Saline di Cervia. “Cum grano Salis - Niente è più utile del sole e del sale” è il titolo dell’evento con cui gli studenti sono andati alla ricerca delle origini del complemento alimentare, del suo significato nelle culture dei popoli.

I genitori e gli ospiti sono stati accolti presso la scuola di via Peruzzi da un allestimento scenografico a tema al momento dell’aperitivo con stuzzichini accompagnati dalla birra artigianale al sale dolce di Cervia.

A tavola, il menù ha preso il via dai “né tortelli né ravioli” di patate con scaglie di primo sale, alla classica tagliata di manzo servita su un cubo di sale bollente perché ogni ospite regolasse la cottura a piacere, fino alla crostata di pasta frolla con cuore di mou e cioccolato decorata con fiocchi di sale grosso. Hanno accompagnato i piatti i vini delle sabbie del Bosco Eliceo, che crescono su un terreno salmastro e si aprono con un bouquet molto caratteristico.

Il presidente del Nazareno, Sergio Zini, ha voluto ringraziare gli ospiti, tra cui il vescovo Francesco Cavina, il sindaco Alberto Bellelli, gli assessori Stefania Gasparini e Milena Saina, il comandante dei carabinieri Alessandro Iacovelli, sottolineando il grande impegno necessario per accompagnare i ragazzi nella crescita professionale e, soprattutto, umana verso la piena realizzazione di sè attraverso il lavoro.



Il direttore Luca Franchini ha poi ricordato le diverse opportunità che il centro professionale Nazareno offre ai giovani che si orientano verso il mondo della ristorazione: oltre ai tradizionali corsi biennali, il Centro gestisce anche percorsi di specializzazione specifici e il corso per “Tecnico dei servizi di sala e bar” che rilascia un diploma professionale.

La maggioranza dei 70 allievi che si qualificheranno a fine mese hanno trovato un inserimento lavorativo e una ventina partiranno in estate grazie alle borse di studio di mobilità di due o tre settimane in Germania e in Irlanda, nell’ambito del programma Erasmus+ dell’Unione Europea, ottenute grazie al loro impegno nel loro percorso biennale di studi. Dopo il caffè, gli allievi hanno salutato gli ospiti regalando loro un sacchetto di “sale profumato”. (s.a.)