Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Gastronomia e tipicità modenesi dalla Ghirlandina al mondo intero

Non c’è che dire, quando un prodotto è valido il mondo lo desidera e Modena è da molto tempo patria di una straordinaria ricchezza gastronomica apprezzata a livello internazionale.Apprezzata,...

Non c’è che dire, quando un prodotto è valido il mondo lo desidera e Modena è da molto tempo patria di una straordinaria ricchezza gastronomica apprezzata a livello internazionale.

Apprezzata, studiata, imitata, rielaborata e, per i veri cultori del cibo autentico, acquistata direttamente nel nostro territorio.

Grazie a questo “tesoro gastronomico”, che per molti prodotti e ricette è ultracentenario, il “turismo foodie” visita le nostre zone in cerca di una vera esperienza emiliana, famelico ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Non c’è che dire, quando un prodotto è valido il mondo lo desidera e Modena è da molto tempo patria di una straordinaria ricchezza gastronomica apprezzata a livello internazionale.

Apprezzata, studiata, imitata, rielaborata e, per i veri cultori del cibo autentico, acquistata direttamente nel nostro territorio.

Grazie a questo “tesoro gastronomico”, che per molti prodotti e ricette è ultracentenario, il “turismo foodie” visita le nostre zone in cerca di una vera esperienza emiliana, famelico non solo di bocconi per soddisfare il gusto, ma anche di racconti diretti per appagare la propria voglia di conoscenza.

Come sono nati i tortellini? Qual è la ricetta esatta del ragù? Come viene prodotto l’aceto balsamico? Le curiosità da scoprire sono moltissime e ancor più sono le varianti nei racconti delle tradizioni familiari delle diverse zone dell’Emilia: ogni rezdora ha, per così dire, il suo personalissimo segreto tecnico o ingrediente, che rende la sua ricetta impareggiabile.

I “padri” della nostra eccezionale cultura gastronomica abitavano in campagna e, grazie alla loro profonda conoscenza delle caratteristiche territoriali, hanno saputo fare di necessità virtù sfruttando e lavorando i migliori prodotti locali, oggi invidiati in tutto il mondo.

“Tramandare” questa è la parola d’ordine. Questa fondamentale attività ha reso possibile la conservazione intellettuale di questo patrimonio, valorizzando e proteggendo l’autenticità dei prodotti sino a farli diventare addirittura mediatici. Un esempio è l’aceto balsamico, conosciuto anche come “oro nero”, tale è il valore attribuitogli.

Il suo profumo, la sua consistenza e la sua versatilità nelle ricette dolci e salate, lo hanno reso tanto esclusivo da dedicargli eventi internazionali di degustazione e abbinamenti a ricette.

Da Modena al mondo, questo è il trend delle nostre eccellenze culinarie e da modenesi abbiamo la fortuna di poter approfittare di queste deliziose risorse direttamente dai migliori produttori locali.

L’augurio è che modenesi, produttori e famiglie rimangano nel tempo appassionati cultori e custodi, e certamente promotori, della nostra autenticità gastronomica.