Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena, la domenica in San Francesco spesa naturale

Il mercato contandino davanti a San Francesco

Una macchia gialla colora il piazzale di fronte alla chiesa di San Francesco.

Sono i tendoni dei banchi di Campagna Amica. Il mercato, che si svolge la domenica mattina, è formato da una decina di produttori agricoli locali, che offrono una vasta gamma di prodotti. Miele, farina, passata di pomodoro, riso, uova, frutta e verdura di stagione, prodotti da forno, sono solo alcune delle prelibatezze esposte.

«Abituare la clientela alla stagionalità e all’acquisto di prodotti locali - esordisce Gi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Una macchia gialla colora il piazzale di fronte alla chiesa di San Francesco.

Sono i tendoni dei banchi di Campagna Amica. Il mercato, che si svolge la domenica mattina, è formato da una decina di produttori agricoli locali, che offrono una vasta gamma di prodotti. Miele, farina, passata di pomodoro, riso, uova, frutta e verdura di stagione, prodotti da forno, sono solo alcune delle prelibatezze esposte.

«Abituare la clientela alla stagionalità e all’acquisto di prodotti locali - esordisce Gianluca Bononi, dell’azienda agricola omonima e unico espositore reggiano - è la nostra filosofia. Non a caso, anche noi ci riforniamo, per la frutta e la verdura, da altri ambulanti della piazza».

Dal banco di Gianluca Bononi e del fratello Matteo arriva il profumo dei prodotti da forno: pane, pizza, focacce con la cipolla, erbazzone, rosette, lasagne, tortelloni, crostate, pesche dolci… Insomma, una vera delizia per gli occhi e, soprattutto, per il palato! «Coltiviamo cereali antichi - dice il giovane - insieme a nostro fratello Andrea, il quale si occupa soprattutto dell’allevamento di bovini. Produciamo farine integrali, macinate a pietra, da cui ricaviamo prodotti da forno, fatti in casa. Nei pressi del laboratorio abbiamo il punto vendita: “Il filo della polenta”. Tuttavia, siamo presenti in diversi mercati, ma tra i vari che frequentiamo è il migliore a livello di vendite, siamo molto contenti».

Sempre rimanendo nel mondo dei prodotti da forno si può trovare il pane cotto nel forno a legna, prodotto da Maria Milani, titolare dell’azienda agrituristica Ca’ de Fra’. L’azienda biologica del Cimone è situata a Casine di Sestola. Oltre al pane cotto nel forno a legna e ai biscotti, Milani con l’aiuto delle figlie, coltiva anche cereali che vengono trasformati in farine da rivendere e prepara confetture, sciroppi, nettari, composte e succhi di frutta dalle piante del loro terreno. Sempre sull’Appennino Milani alleva bovini da latte, per la produzione di Parmigiano e ricotta.

Dalla montagna si scende poi verso la pianura con i prodotti di Sandro Pederzini e Franco Dalle Ave. Il primo, che produce vino, uova, ortaggi e miele, è considerato un pilastro del mercato. «Oramai sono sette anni che vendo i miei prodotti in questo mercato - ricorda il titolare dell’azienda agricola di Albareto - l’aspetto migliore di questo mestiere è il rapporto che si viene a creare coi clienti. La mia è un’azienda biologica - spiega l’agricoltore - in cui produco lambrusco di Sorbara, Grasparossa e Pignoletto. Produco, inoltre, succo d’uva e saba. Verdo uova e miele, trasformo gli ortaggi che coltivo, in passata di pomodoro, per esempio».

Per imbandire la tavola non manca nulla, o quasi. Spicca, infatti, tra gli altri la produzione di riso di Franco Delle Ave, che coltiva nei campi di Budrione a Carpi. «È dagli anni Trenta che la mia famiglia - racconta l’agricoltore - produce riso: ho portato avanti la tradizione. Il terreno dell’area, essendo argilloso, è perfetto per la coltivazione del riso. In particolar modo coltivo Arborio e Carnaroli, ideali per il risotto. Negli anni abbiamo acquistato un macchinario per lavorare il riso che produciamo. Così riusciamo a seguire tutta la catena di produzione: raccolta, lavorazione e vendita».