Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Proposte per una gita con i figli. Harry Potter, le orchidee o le giostre fatte a mano?

Consigli fuori porta per ogni età: dall’Exhibition milanese per maghetti al parco “tropicale” in Alto Adige. Fino alle attrazioni senza elettricità...

Centoventi minuti. Questo il tempo che ci si mette in treno per raggiungere Milano (con un treno regionale, il più lento, il meno caro). Se siete appassionati di un maghetto con una cicatrice a forma di fulmine sulla fronte e gli occhialetti tondi, vale la pena farci più di un pensierino. Fino al 9 settembre infatti, alla Fabbrica del vapore di Via Procaccini, è allestita “Harry Potter The Exhibition”. In oltre milleseicento metri quadri i visitatori hanno la possibilità di ammirare il mater ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Centoventi minuti. Questo il tempo che ci si mette in treno per raggiungere Milano (con un treno regionale, il più lento, il meno caro). Se siete appassionati di un maghetto con una cicatrice a forma di fulmine sulla fronte e gli occhialetti tondi, vale la pena farci più di un pensierino. Fino al 9 settembre infatti, alla Fabbrica del vapore di Via Procaccini, è allestita “Harry Potter The Exhibition”. In oltre milleseicento metri quadri i visitatori hanno la possibilità di ammirare il materiale ispirato ai set dei film e vedere i costumi autentici, gli oggetti di scena e le creature fantastiche.

La mostra presenta ambientazioni tratte dalle più famose location dei film, inclusi la sala comune e il dormitorio di Grifondoro alcune aule come quelle di Pozioni ed Erbologia o la Foresta Proibita. aI visitatori possono anche entrare nell’area del Quidditch™ e lanciare una Pluffa, sradicare la propria mandragola nella rappresentazione dell’aula di Erbologia e anche visitare una ricostruzione della capanna di Hagrid o sedersi sulla sua poltrona gigante. Per visitare la mostra è necessario prenotare gli ingressi. (Info: harrypotterexhibition.it). Il binario 9 ¾ vi aspetta. Che aspettate a salirci?

Un parco tematico profumatissimo e inebriante, unico al mondo, è invece quello che vi attende in Via Nazionale, 26 a Gargazzone (Bolzano): si tratta del Raffeiner Orchideenwelt, il Mondo delle Orchidee. Una vera e propria oasi tropicale con percorsi, laboratori, degustazioni e molte iniziative per i più piccoli perché si sa che apprendere attraverso il gioco è il modo migliore per imparare, no? Attraverso laghetti e cascate, si arriva a vari punti informativi dove si possono toccare, annusare e osservare le orchidee. E vogliamo parlare del ponte sospeso sull’acqua da attraversare e del gioco della liana dove tutti e non solo i bambini possono lanciare sfide di equilibrio? Non mancano pappagalli Lori, tartarughe e carpe Koi. Un po’ come andare in un paese tropicale. Ma a tre ore e qualcosa da casa. Per i bambini fino a 6 anni l’entrata è gratuita (Info: raffainer.net).

No, no non ci siamo, niente magia e nessuna voglia di imparare divertendosi, che già basta la scuola per imparare e non è nemmeno troppo divertente e, diciamolo, è pure appena finita? Allora l’idea potrebbe essere un parco divertimenti. I “soliti” inutile segnalarli, li conoscete già, invece ce n’è uno che è proprio curioso. Si tratta del parco giochi dell’Osteria Ai Pioppi e si trova in Via VIII Armata, 76

a Nervesa della battaglia (TV). Dimenticate quelle “cosine” con due altalene e uno scivolo. Si tratta di un vero e proprio luna park con circa 40 attrazioni giganti, interamente costruite a mano dal proprietario dell’Osteria, il signor Bruno, omologate da un ingegnere e sottoposte a una continua manutenzione da parte dello staff dei Pioppi, in modo da poter garantire un’esperienza di gioco in completa sicurezza. La caratteristica che le rende uniche? Al momento è l’unico parco italiano con giostre che si muovono completamente senza elettricità. Seguono le leggi fisiche, non serve certo la magia. Due esempi. Volete fare il giro della morte? Entrate nella gabbia e cominciare a pedalare. Tutto dipende da voi. Vi piaceva il Tagadà? C’è la “Ballerina” che però funziona grazie alla forza cinetica... Da scoprire, da provare. (Info: aipioppi.com).

Monica Tappa