Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il sindaco propone la pace «Al lavoro solo per Guiglia»

Appassionato intervento di Iacopo Lagazzi nel suo primo Consiglio comunale Cita San Francesco, ringrazia i cittadini e promette: «Nessun formalismo»

GUIGLIA . Ha citato San Francesco ieri pomeriggio il neosindaco di Guiglia Iacopo lagazzi al termine del suo discorso di insediamento, in una Sala Scolopi gremita: «Come diceva San Francesco, “cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”» ha detto, tra gli applausi.

È stato un intervento molto sentito, con passaggi di fair play nei confronti dell’opposizione guidata da Marcello Graziosi e Monica Amici, battuti per s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

GUIGLIA . Ha citato San Francesco ieri pomeriggio il neosindaco di Guiglia Iacopo lagazzi al termine del suo discorso di insediamento, in una Sala Scolopi gremita: «Come diceva San Francesco, “cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”» ha detto, tra gli applausi.

È stato un intervento molto sentito, con passaggi di fair play nei confronti dell’opposizione guidata da Marcello Graziosi e Monica Amici, battuti per soli 33 voti. In apertura, ha rivolto un saluto a tutti i dipendenti di Comune e Unione, poi il ringraziamento ai sostenitori della campagna elettorale «e a tutta la mia grande famiglia intera, nessuno escluso, in primis ai miei genitori, perché senza i loro insegnamenti non sarei diventato la persona che sono ora, e soprattutto per non aver mai ostacolato nessuna delle mie scelte ed avermi lasciato crescere libero di pensiero. Ringrazio mia sorella per i tanti consigli e la stretta vicinanza, e i miei nipoti per avermi reso un uomo migliore. Un grazie speciale a nonno Gilberto, per la grande persona che è, e agli altri nonni».

Ovviamente il ringraziamento più sentito è stato per i cittadini che lo hanno votato ma ha reso omaggio anche agli altri, «perché questa è la democrazia: il confronto costruttivo tra idee diverse. Ai consiglieri di minoranza, con i quali abbiamo condiviso una campagna elettorale ricca di proposte, va il mio benvenuto» ha detto, auspicando che pur nella logica di rivalità non manchi «una sana collaborazione» per il bene del paese.

C’è stato anche un passaggio di rammarico per la scarsa affluenza al voto (al 50,97%). Per l’azione di governo ha chiesto il più possibile un impegno corale: «Per la prima volta mi trovo ad affrontare un’esperienza amministrativa diretta - ha rimarcato - e con umiltà ma anche con estrema determinazione sono a chiedere l’aiuto di tutti i consiglieri perché con l’aiuto di tanti saprò essere ancora più attento al benessere della nostra comunità».

Ma anche ai cittadini ha chiesto di essere propositivi, e critici se necessario, raccomandando a sua volta azione nel volontariato e nell’associazionismo. «Personalmente ci metterò impegno, presenza e passione civile - ha garantito - con semplicità, senza troppi formalismi e con massima attenzione verso tutti. Lo farò seguendo la mia storia e la mia cultura, perché al di là delle nostre condizioni e dei nostri ideali, restiamo innanzitutto persone. E io intendo essere il sindaco di tutti».

Quali capigruppo sono stati nominati Margherita Montanari (maggioranza) e Marcello Graziosi (opposizione). Quali rappresentanti in Unione, Maria Cristina Montanini (maggioranza) e Alan Bononcini (opposizione).