Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Sani e saporiti in vasocottura

Un’antica tecnica per cucinare e conservare

Un metodo di cottura tornato in uso negli ultimi anni, per molti diventato anche una moda, ma che in realtà affonda le radici nella nostra storia culinaria. È la vasocottura, la tecnica che prevede di cucinare le pietanze in vasi di vetro, dove, già condite e pronte, le ricette possono essere cotte in vari modi. Presso la scuola di cucina “Passione Cucina” di Anna Bazzani a Marano sul Panaro si è tenuto, la settimana scorsa, un corso proprio indirizzato a questo tipo di tecnica, insieme allo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Un metodo di cottura tornato in uso negli ultimi anni, per molti diventato anche una moda, ma che in realtà affonda le radici nella nostra storia culinaria. È la vasocottura, la tecnica che prevede di cucinare le pietanze in vasi di vetro, dove, già condite e pronte, le ricette possono essere cotte in vari modi. Presso la scuola di cucina “Passione Cucina” di Anna Bazzani a Marano sul Panaro si è tenuto, la settimana scorsa, un corso proprio indirizzato a questo tipo di tecnica, insieme allo chef Roberto Carcangiu, presidente dell’Apci, associazione professionale cuochi italiani di cui fa parte anche Anna, che ha illustrato ai presenti come cucinare dentro i vasi di vetro.

«Cucinare nei vasi fa parte della nostra tradizione - ha spiegato lo chef Carcangiu - se pensiamo ai sottaceti, ai sottoli ma anche alla classica passata di pomodoro; i vasi li abbiamo sempre utilizzati». Durante la serata sono state preparate quattro portate: gnocchi al pomodoro, rivisitazione di spaghetti spezzati con un ragù di carne simile ad una fregola, un tonno di maiale con pomodori salati e olive e una zuppa di pesce.

«Quando si parla di vasocottura - continua Carcangiu - si parla di una via di mezzo tra conserve e cotture in sottovuoto». Infatti, ispirandosi al metodo di preparazione di conserve o cottura sottovuoto, nella vasocottura tutti gli ingredienti della ricetta vengono inseriti, già pronti e conditi, all’interno del vaso e si procede poi alla cottura. E per ogni pietanza preparata ci può essere una tipologia di cottura, spiega ancora Carcangiu: «Si può mettere il vaso in una pentola con acqua bollente, forno a secco e a vapore oppure anche microonde, tutto può essere cucinato in questo modo».

Una metodologia che restituisce un piatto saporito e gustoso, grazie al vaso che trattiene al suo interno tutti i sapori: «È un metodo che può essere fatto da chiunque - commenta la padrona di casa, Anna Bazzani - anche chi non ha esperienza può imparare facendo dei tentativi, basta avere un vaso con coperchio a chiusura ermetica in silicone per evitare che durante la cottura possa fuoriuscire parte della pietanza. Si possono preparare tanti piatti con questo metodo, basta avere un po’ di fantasia».

La conservazione è un’altra delle caratteristiche di questa preparazione, infatti, la cottura in vaso permette una lunga conservazione del prodotto: «Una volta in frigorifero - spiega lo chef - si può conservare il cibo fino a 12 giorni; anche questo è un punto a favore della cottura in vaso perché poter conservare a lungo un alimento, qualcosa che si è cucinato, è molto importante». Si può fare veramente di tutto, anche le tanto amate lasagne, tipiche della tradizione emiliana: «Grazie a questa tecnica è possibile cucinare di tutto e i sapori rimangono autentici perché rimangono tutti all’interno dei vasi». Una tecnica anche salutare in quanto le sostanze nutritive rimangono all’interno del vaso, mantenendo inoltre intatti i sapori.

E dopo aver cucinato tutti insieme, nella scuola di Anna, si condividono i piatti a tavola, come racconta lei stessa: «Prima si impara e si cucina, poi ci sediamo tutti insieme, è un momento conviviale». Una quindicina di persone hanno preso parte al corso. E da Passione Cucina si possono trovare tante altre iniziative, da quelle dedicate ai bambini, “Piccoli chef crescono” al Visual Food, varie degustazioni e cake design. «Ho aperto questa scuola anni fa per creare un momento in cui incontrarsi, stare insieme imparando a cucinare». Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito web della scuola www.passione-cucina.it.